Kilkenny

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Kilkenny (disambigua).
Kilkenny
città
(GA) Cill Chainnig
Kilkenny – Stemma
Kilkenny – Veduta
Localizzazione
Stato Irlanda Irlanda
Provincia Flag of Leinster (bright).svg Leinster
Contea Kilkenny County Crest.svg Kilkenny
Territorio
Coordinate 52°38′51.72″N 7°15′21.96″W / 52.6477°N 7.2561°W52.6477; -7.2561 (Kilkenny)Coordinate: 52°38′51.72″N 7°15′21.96″W / 52.6477°N 7.2561°W52.6477; -7.2561 (Kilkenny)
Altitudine 60 m s.l.m.
Superficie 26,76[1] km²
Abitanti 24 423[2] (2011)
Densità 912,67 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+0
Cartografia
Mappa di localizzazione: Irlanda
Kilkenny
Sito istituzionale

Kilkenny (in irlandese Cill Chainnigh [3] che significa chiesa di San Canizio) è una città della Repubblica d'Irlanda, county town della propria contea, situata sul fiume Nore nella parte sud-centrale dell'isola e della provincia del Leinster, l'unica città a non essere sulla costa.

Ha una popolazione, compresa l'area rurale, di 24.423 abitanti ed è famosa per le sue opere architettoniche, i suoi prodotti tipici e la movimentata vita notturna.

Città o no?[modifica | modifica sorgente]

Lo status di Kilkenny è piuttosto ambiguo: considerata ormai da tutti una città a tutti gli effetti, tuttavia politicamente non ha le autonomie che hanno le altre città d'Irlanda, ovvero di county borough, centri abitati amministrati in totale indipendenza dalla contea di appartenenza: pertanto, ha un proprio borough council, ovvero un consiglio e un sindaco come molte altre town per alcune materie, ma per le questioni principali viene amministrata dal consiglio della contea.

Le è stato, comunque, riconosciuto ufficialmente, in tempi recenti, l'uso a titolo fregiativo di city.

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'evento storico più importante della città riguarda gli Statutes of Kilkenny del 1366, uno statuto contenente diciannove clausole che avrebbero dovuto ridurre notevolmente l'influsso celtico sulle popolazioni normanne occupanti, proibendo i matrimoni misti fra le due popolazioni e limitando l'uso della lingua e dei costumi irlandesi. Analisi storiografiche oggi ritengono che questa iniziativa normanna si sia ritorta contro con effetti molto negativi.

Kilkenny fu capitale della Confederazione irlandese prima di cadere in mano alle truppe di Oliver Cromwell.

Kilkenny 1780

Architettura[modifica | modifica sorgente]

Il Kilkenny castle

Kilkenny è rinomata per molti suoi edifici medievali, che le hanno procurato il soprannome di marble city ("città di marmo"), anche se, a onor del vero, la pietra nera fossile che compone l'ossatura principale dei tanti palazzi in questione, è di roccia calcarea importata dalle zone vicine da secoli.

L'edificio principale che domina la città è senz'altro il Kilkenny castle, imponente maniero che fu antica dimora dei Butler (già FitzWalter), acquistato dal governo irlandese nel 1967 per la cifra irrisoria di 50 £ e oggi visitabile dai turisti: nei suoi interni c'è anche parte della National Art Gallery. All'esterno del castello c'è un giardino ornamentale davanti all'entrata (la parte che dà sulla città), e una vasta tenuta nelle zone posteriori.

Degne di menzione la Cattedrale anglicana di Saint Canice, santo che dà il nome anche alla città (Cill Chainnigh significa "chiesa di Canizio"), e l'abbazia dominicana situata in Parliament Street (la Black Abbey).

Economia[modifica | modifica sorgente]

Panoramica di Kilkenny

Non si può non pensare alla città di Kilkenny senza associarla alla celebre birra rossa che porta il suo nome. La tradizione nacque con la mitica St.Francis Abbey brewery dei signori Cole e Smithwick all'inizio del XVIII secolo. Dopo secoli di produzione tradizionale, la birreria fu acquistata negli anni '60 del 900 dalla famosissima Guinness, ma ora fa parte del gruppo Diageo, multinazionale degli alcolici nata dalla fusione della Guinness con la Metropolitan.

La Smithwick's Ale, la birra originaria e storica di Kilkenny, ormai è prodotta soltanto in piccola percentuale nella mitica birreria, così come la Kilkenny Ale: nata come variante per l'estero dato che il nome Smithwick's non era di facile pronuncia (perfino gli irlandesi la chiamano in maniera differente: il più gettonato è "Smidix"), finì col divenire una birra diversa che si ritagliò uno spazio anche nel mercato irlandese cui non era destinata. Curiosità paradossale è che nella birreria, l'80% di quel che esce è Budweiser, birra che non fa parte della Diageo ma che viene prodotta con licenza.

Altra industria importante a Kilkenny è Glanbia, importante realtà del settore alimentare disseminata in gran parte della nazione ma con sede nella città, che opera anche in Inghilterra e Stati Uniti e che dà lavoro a più di 4.000 dipendenti.

Turismo[modifica | modifica sorgente]

Kilkenny è una delle più popolari destinazioni turistiche in Irlanda e per molti irlandesi è una meta da fine settimana. La sua vita notturna, diventata sempre più popolare negli ultimi anni, è ben considerata dai suoi visitatori.

Attrazioni turistiche[modifica | modifica sorgente]

Kilkenny city panorama 2006-01-29.jpg

Magnify-clip.png
Panoramica di Kilkenny guardando verso est. Cliccare per ingrandire

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Censimento 2011: volume 1, tabella 7. (in inglese)
  2. ^ Censimento 2011: volume 1, tabella 7. (in inglese)
  3. ^ Placenames Database of Ireland. (in inglese)

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Katherine Lanigan & Gerald Tyler, Kilkenny: Its Architecture and History (Appletree P, 1987) (ISBN 0-86281-180-5)
  • Robert Wyse Jackson, Story of Kilkenny (Mercier P, 1974) (ISBN 0-85342-391-1)
  • Sean Kenny Every Stick and Stone That Stands Kilkenny (2003) (ISBN 0-9545741-0-9)
  • David Edwards, The Ormond Lordship in County Kilkenny, 1515-1642: The Rise and Fall of the Butler Family (Four Courts Press, 2000) (ISBN 1-85182-578-9)
  • John Leonard, A university for Kilkenny: Plans for a royal college in the seventeenth century (St Canice's Press, 1996) (ISBN 0-9528076-0-2)
  • Andew Bush, Bonnettstown: A House in Ireland (Harry N. Abrams, Inc., 1989) (ISBN 0-8109-0748-8)

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Irlanda Portale Irlanda: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Irlanda