Kay Kendall

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Kay Kendall ne L'arciere del re

Kay Kendall, nome d'arte di Justine Kay McCarthy (Withernsea, 21 maggio 1926Londra, 6 settembre 1959), è stata un'attrice britannica.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlia del ballerino Terrence McCarthy e dell'attrice Gladys Dreweryun, Kay Kendall crebbe nel mondo dello spettacolo[1] e iniziò la carriera come ballerina di fila insieme con la sorella Kim, andando in tournée nei music-hall quando non era ancora ventenne[1].

Dopo aver interpretato alcuni piccoli ruoli in film britannici, venne lanciata nel 1946 nella pellicola London Town, al fianco dell'attore Sid Field, che però non ebbe successo[1]. La Kendall dovette attendere ancora alcuni anni prima della definitiva affermazione sul grande schermo, che arrivò con la commedia La rivale di mia moglie (1953), film di elegante humour[2], nella quale l'attrice si dimostrò interprete comica di talento e ricca di stile[1], diventando una star e confermandosi commediante di classe[2].

Negli anni successivi consolidò il proprio successo partecipando a diverse pellicole brillanti nelle quali diede prova di brillante personalità e di grande senso del tempo comico[1]. Nel 1958 vinse il Golden Globe per la migliore attrice in un film commedia o musicale per la sua interpretazione in Les Girls (1957), accanto a Gene Kelly. Raggiunse l'apice della fama con la commedia Come sposare una figlia (1958) di Vincente Minnelli, nella quale recitò accanto al marito Rex Harrison, che aveva conosciuto sul set del film Sette mogli per un marito (1955) e che aveva sposato l'anno precedente.

L'unione durò fino al 1959, anno in cui la Kendall morì a causa della leucemia, all'età di soli 33 anni, dopo aver terminato le riprese del film Ancora una volta con sentimento (1960) di Stanley Donen[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Il chi è del cinema, De Agostini, 1984, Vol. I, pag. 280
  2. ^ a b c Le Garzantine - Cinema, Garzanti, 2000, pag. 618

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 17412442 · LCCN: n97861637 · GND: 124170935 · BNF: cb13940252r (data)