Karel Vladimir Truhlar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Karel Vladmir Truhlar (Gorizia, 3 settembre 1912Renon, 4 gennaio 1977) è stato un teologo, poeta e gesuita slovenodi origini ceche.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nacque con il nome di Karel Truhlař da genitori cechi a Gorizia quando questa faceva ancora parte dell'Impero Austro-Ungarico. Crebbe in un ambiente di lingua slovena. Negli anni venti si trasferì con la sua famiglia nel Regno di Jugoslavia. Studiò teologia all'Università di Lubiana e alla Pontificia Università Gregoriana a Roma. Nel 1941 tornò a Lubiana, continuò gli studi ed entrò al seminario telogico. Durante la seconda guerra mondiale approfondì i suoi studi teologici e filosofici soprattutto attraverso gli scritti di Romano Guardini e Vladimir Solovyov. Nel 1945 si stabilì per un periodo breve a Praglia (Abbazia di Praglia) dove insegnò teologia dogmatica. il 18 novembre 1946 entrò nell'ordine dei gesuiti e successivamente nel 1949 andò a Roma dove insegnò all'Università Gregoriana.

Venne influenzato dal teologo cattolico Karl Rahner e del pensatore Pierre Teilhard de Chardin e altri mistici, che divennero l'oggetto della sua riflessione teologica. Nei suoi scritti Truhlar partì dalla concretezza dell'esistenza umana e accentuò l'esperienza dell'assoluto in questa.[1]

Truhlar scrisse anche poesie, in cui possono essere trovati molti elementi mistici. Il suo lavoro nell'ambito poetico fu lodato dal poeta modernista Edvard Kocbek, che scrisse la prefazione a una delle sue raccolte di poesie.[2]

Dopo il 1990 le poesie di Truhlar, che erano prima conosciute solo da ristrette cerchie di sloveni cattolici, ricevette una positiva rivalutazione da molti rinomati critici letterari.[3] Tra l'altro il pensiero mistico di Truhlar influenzò il filosofo e poeta Gorazd Kocijančič.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) http://www.lipaonline.org/writer/ae077.htm
  2. ^ (SL) https://www.emka.si/artikel/347710/Temni-karmin
  3. ^ (SL) http://www.kud-logos.si/logos_1_2003_zust.asp

riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17217153

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie