Jorge Alessandri Rodríguez

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jorge Alessandri Rodríguez
Retrato de Jorge Alessandri con banda presidencial cropped.JPG

Presidente del Cile
Durata mandato 1958 –
1964
Predecessore Carlos Ibáñez del Campo
Successore Eduardo Frei Montalva

Dati generali
Partito politico Indipendente (fino al 1966)
Nazionale (1966-1986)
Tendenza politica Conservatore
Alma mater Università del Cile
Professione imprenditore
Firma Firma di Jorge Alessandri Rodríguez

Jorge Alessandri Rodríguez (Santiago del Cile, 19 maggio 1896Santiago del Cile, 31 agosto 1986) è stato un imprenditore e politico cileno, Presidente del Cile dal 1958 al 1964.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del presidente cileno Arturo Alessandri Palma, liberale. Laureato in Ingegneria nel 1919 presso l'Università del Cile, vi tenne alcune docenze, ma dovette accompagnare il padre nei suoi esili. Deputato dal 1926, sebbene indipendente da qualsiasi partito, divenne una figura di spicco del centro-destra. Nel 1932 si ritirò dalla vita politica per dedicarsi all'imprenditoria: presiedette la Cassa di Credito Ipotecario (1932), la Compañía Manufacturera de Papeles y Cartones e poi la Confederación de la Producción y el Comercio. Ministro delle Finanze dopo la svolta anticomunista del presidente Gabriel González Videla (1947), riordinò l'amministrazione e seguì un rigoroso programma di austerità, migliorando le finanze pubbliche ma causando un malcontento che scatenò numerose proteste che lo costrinsero infine alle dimissioni (3 febbraio 1950). Eletto senatore di Santiago per i liberali (1957), vinse le elezioni presidenziali del 1958 sconfiggendo il candidato socialista Salvador Allende grazie all'appoggio di liberali, conservatori e radicali.

La presidenza[modifica | modifica sorgente]

Convinto che il sottosviluppo del Cile potesse essere superato con una buona amministrazione, come quella dell'imprenditorialità privata, costituì un governo di tecnici, che si appoggiò sui partiti moderati e di destra. Ottenuta dal Congresso Nazionale la delega in materia economica e amministrativa, provvide al riordino delle finanze statali, stabilizzò i prezzi e i salari e istituì un nuovo regime monetario introducendo nel 1960 una nuova moneta, l’escudo (pari a 1000 vecchi pesos). Organizzò alcuni nuovi dipartimenti nelle province di Aysén e Chiloé. Il 20 maggio 1960 un violento sisma colpì le province meridionali, danneggiando in particolare la città di Valdivia. Gli Stati Uniti d'America promisero di inviare aiuti, in cambio dell'adesione del Cile al programma Alleanza per il Progresso, che prevedeva alcune riforme economiche strutturali. Le elezioni politiche del 1961 portarono all'affermazione dell'opposizione di sinistra: nonostante l'appoggio dei radicali, Alessandri dovette cambiare la sua politica e procedere alla sostituzione dei suoi ministri. Una delle riforme richieste dall'Alleanza per il Progresso era la riforma agraria, cui Alessandri procedette limitandosi alla distribuzione ai piccoli contadini delle terre demaniali, senza toccare le grandi proprietà. Nel 1961 l’entrata in funzione di opere idrauliche nel bacino del fiume Lauca, che convogliavano le acque verso la valle di Azapa, causarono una decisa protesta diplomatica da parte della Bolivia. Verso la fine del suo mandato, Alessandri propose una riforma costituzionale che avrebbe aumentato i poteri del presidente a scapito del Congresso Nazionale (del quale modificava la composizione, introducendo i senatori di nomina presidenziale e gli ex presidenti come senatori a vita), ma che fu respinta decisamente dall'opposizione radicale, che temeva l'introduzione della rieleggibilità immediata del presidente.

Un ritratto del presidente Alessandri

La collaborazione con Pinochet[modifica | modifica sorgente]

Concluso il suo mandato, Alessandri Rodríguez tornò a presiedere la Compañía Manufacturera de Papeles y Cartones, che guidò fino alla morte. Nel 1970 partecipò di nuovo alle elezioni presidenziali scontrandosi con il cristiano democratico Radomiro Tomic e il socialista Salvador Allende. Con poco più di 15.000 voti di scarto, Alessandri arrivò secondo dietro Allende. Dopo il golpe militare dell'11 settembre 1973, Alessandri sostenne il regime del generale Augusto Pinochet. Nel 1976 Pinochet nominò Alessandri presidente del Consiglio di Stato, organismo incaricato di redigere una nuova Costituzione che istituzionalizzasse il regime militare. Elaborato il testo, che conteneva molti dei punti proposti nel 1964, Alessandri si ritirò dalla vita politica in seguito all'approvazione plebiscitaria della nuova Costituzione (settembre 1980). Morì nel 1986.

Il nipote Arturo Alessandri Besa fu nel 1993 candidato conservatore alla presidenza, sconfitto dal democristiano Frei.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze cilene[modifica | modifica sorgente]

Gran Maestro dell'Ordine di Bernardo O'Higgins - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine di Bernardo O'Higgins
Gran Maestro dell'Ordine al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine al Merito

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce dell'Ordine di Carlo III (Spagna)
— 1º aprile 1964[1]
Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna) - nastrino per uniforme ordinaria Collare dell'Ordine di Isabella la Cattolica (Spagna)
— 1969
Cavaliere dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panamá) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine di Manuel Amador Guerrero (Panamá)

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Bollettino Ufficiale di Stato

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Presidenti del Cile Successore Flag of the President of Chile.svg
Carlos Ibáñez del Campo 1958 - 1964 Eduardo Frei Montalva

Controllo di autorità VIAF: 51915101 LCCN: n85186571

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie