Johann Philipp Palm

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Statua di J.Ph. Palm (opera di Konrad Knoll) Braunau, 1866.

Johann Philipp Palm (Schorndorf, 17 dicembre 1768Braunau, 26 agosto 1806) è stato un editore tedesco giustiziato durante le guerre napoleoniche.

Considerato un martire per la libertà di parola e per la libertà di stampa, Palm era nato a Schorndorf nel Württemberg. Ad Erlangen aveva appreso il mestiere dell'editore dallo zio, Johann Jakob Palm (1750–1826). Dopo aver sposato la figlia d'editore Stein di Norimberga, divenne proprietario dell'azienda del suocero.

Unfreiwilliger Held (eroe involontario), Palm passò alla storia suo malgrado: la casa editrice Stein nel luglio del 1806 diede alle stampe un pamphlet intitolato Deutschland in seiner tiefen Erniedrigung ("La Germania nella sua profonda umiliazione"). Lo scritto, pubblicato anonimo, apparve poco dopo l'occupazione francese della città di Norimberga (avvenuta nel marzo dello stesso anno) e in esso si attaccava pesantemente Napoleone e il comportamento tenuto dalle truppe francesi in Baviera. Napoleone stesso, nell'impossibilità di identificarne l'autore, ordinò la cattura e il processo dell'editore. Palm era fuori Norimberga per un viaggio d'affari. Pur consapevole del rischio che correva egli volle rincasare ugualmente, ma fu riconosciuto e denunziato ai militari francesi da un mendicante cui aveva fatto l'elemosina.

Il 14 agosto il generale Jean Baptiste Jules Bernadotte (1753-1844) gli notificò il decreto di Napoleone (datato 5 agosto 1806) che lo incriminava. Fu quindi trasferito a Braunau il 22 agosto dove, nonostante lui si professasse innocente, nulla poté fare il suo legale, l'avvocato Rudolf Sigmund di Holzschuher (discendente di Hieronimus Holzschuher raffigurato da Albrecht Dürer nel 1526), e fu condannato a morte il 25 agosto.

Trasferito il 22 agosto a Braunau, lungo il confine tra Baviera e Austria, Palm fu giustiziato il 26 agosto del 1806.

Palm non rivelò mai il nome dell'autore del pamphlet che gli fu fatale. Gli storici fanno comunque vari nomi illustri per il contesto dell'epoca: il conte Julius von Soden, Julius Konrad von Yelin o Johann Georg Leuchs.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

La casa editrice di Erlangen dove Johann Philipp imparò il mestiere esiste ancora oggi e porta il suo nome: Palm & Enke.

Presso Schorndorf ha sede una fondazione no-profit che porta il nome di Palm e che dal 2002 assegna il Premio Johann Philipp Palm per la libertà di espressione e la libertà di stampa. Tra i vincitori si annoverano i giornalisti Sergei Duvanov (Kazakistan), Asya Tretyuk (Minsk, Bielorussia), Pap Saine (Banjul, Gambia) e la rivista femminile afgana Malalai.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 63995545 LCCN: n87119240

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie