Jessica White

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jessica White
Jessica White 2012 Shankbone.JPG
Altezza 176,5[1] cm
Misure 86.5-61-86.5[1]
Taglia 34[1] (UE) - 4[1] (US)
Scarpe 39[1] (UE) - 7[1] (US)
Occhi Neri
Capelli Neri

Jessica White (Buffalo, 22 giugno 1984) è una modella statunitense.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Scoperta all'età di sedici anni da una talent scout nella sua città natale di Buffalo, New York, Jessica White ottiene un contratto con l'agenzia di moda IMG Models di Parigi, ottenendo nei sei mesi successivi svariati contratti con CoverGirl, Chloé, e Gap. In seguito la modella sfilerà anche per case di moda come Ralph Lauren, Oscar de la Renta, Marc Jacobs e Tommy Hilfiger. La popolare supermodel Tyra Banks, ha citato al White come "la modella della sua generazione" ("the model of her generation").[2] Più recentemente è stata testimonial internazionale per Maybelline e Yamamay.

Jessica White è comparsa in diversi servizi per Harper's Bazaar, Teen Vogue, King e sulla copertina di Surface e Trace. Nel 2003, White è stata scelta anche per apparire sulla copertina di Sports Illustrated Swimsuit Issue, rivista sulla quale è comparsa anche nel 2004, 2005, 2007, 2008 e 2009. In alcuni dei servizi di Sport Illustrated, la modella è stata anche oggetto di opere di body painting.[3][4]

La modella ha inoltre recitato in piccoli ruoli nel film FBI: Operazione tata, e nella soap opera Febbre d'amore, oltre ad essere comparsa nel reality show America's Next Top Model ed in videoclip di John Legend, Jay-Z e Robin Thicke.

Agenzie[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e f (EN) Jessica White in Fashion Model Directory, Fashion One Group.
  2. ^ Maybelline New York Signs New Supermodel, Jessica White., CosmeticWeb. URL consultato il 18 febbraio 2008.
  3. ^ SI Swimsuit Collection: Jessica White, Time Inc.. URL consultato il 18 febbraio 2008.
  4. ^ SI Swimsuit Collection: Jessica White, Time Inc.. URL consultato il 18 febbraio 2008.
  5. ^ Jessica White Interview, King Magazine. URL consultato il 28 febbraio 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]