Jean Françaix

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jean Françaix (Le Mans, 23 maggio 1912Parigi, 25 settembre 1997) è stato un compositore e pianista francese, appartenente al neoclassicismo musicale.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Le doti musicali di Françaix furono stimolate sin dalla prima infanzia: il padre era infatti un musicologo e pianista, la madre insegnante di canto. Iniziò a comporre già a 6 anni e la sua prima pubblicazione, risalente al 1922, suscitò l'interesse dell'editore, che invitò la famiglia a fargli proseguire gli studi musicali sotto la guida di Nadia Boulanger. Ella lo incoraggiò fortemente a proseguire nella carriera di compositore: lo riteneva infatti uno dei suoi migliori studenti, se non il migliore.

Vinse il primo premio come pianista al Conservatorio di Parigi; l'attività di pianista lo impegnò spesso, come spalla di Francis Poulenc nell'esecuzione del celebre "Concerto per due pianoforti" scritto da quest'ultimo, o come accompagnatore del violoncellista Maurice Gendron.

Nel 1990 avviene la prima esecuzione assoluta nella Großer Musikvereinsaal di Vienna del Concerto per 15 solisti e orchestra di sua composizione diretto da Georges Prêtre.

Fu un autore estremamente prolifico (nel suo catalogo si annoverano circa 200 numeri d'opera) e rimase attivo fino alla morte, avvenuta nel 1997, senza aver mai definitivamente esaurito la propria vena creativa.

Stile[modifica | modifica sorgente]

L'opera di Françaix è caratterizzata da un sagace umorismo, di taglio esplicitamente neoclassico. Pianista dotato, dedicò alla tastiera molte delle sue fatiche, in special modo nella produzione cameristica. Toccò per altro tutti i generi musicali: dalla cantata all'opera, dal balletto al concerto, alla sinfonia e alla musica da film. A lui si devono molte colonne sonore per i film di Sacha Guitry.

Rifiutò sempre l'atonalità, pur essendo molto disponibile ad accogliere suggestioni di vari autori, in particolare Francis Poulenc, Igor Stravinskij, Maurice Ravel.

L'atmosfera predominante delle sue composizioni è l'estrema luminosità e gradevolezza, la chiarezza formale e il gusto tutto francese per l'ironia. Lungi dall'essere tuttavia un artista monocorde, si dedicò anche a opere di grande impegno e respiro: è il caso della Apocalypse selon St.Jean ( L'apocalisse secondo San Giovanni ), del 1939.

Controllo di autorità VIAF: 104248090 LCCN: n79077226