Jan Willem Janssens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jan Willem Janssens

Jan Willem Janssens (Nimega, 12 ottobre 1762L'Aia, 23 maggio 1838) è stato un militare e politico olandese che fu governatore generale di Colonia del Capo e delle Indie orientali olandesi.[1].

Gioventù[modifica | modifica sorgente]

Nato a Nimega, iniziò la carriera militare all'età di nove anni come cadetto dell'esercito olandese. Salì di grado e nel 1793, all'inizio delle guerre napoleoniche, era colonnello.[1]

Repubblica Batava[modifica | modifica sorgente]

Gli olandesi che nel 1795 si arresero diedero vita al pacifico stato della repubblica Batava, uno Stato satellite dell'impero di Napoleone. Tra il 1795 ed il 1802 il colonnello Janssens fu soprattutto un amministratore del nuovo esercito batavo. Quando nel 1802 Colonia del Capo ritornò in possesso olandese dopo essere stata britannica, grazie al trattato di Amiens, Janssens ne fu nominato governatore generale. Vi giunse all'inizio del 1803, e tentò subito di rafforzare le difese, trovando però una grave carenza di risorse. Le truppe erano scarsamente addestrate, e la situazione politica era debole come non mai. In questo periodo fu promosso tenente generale.

L'inizio della guerra della terza coalizione segnò una nuova invasione britannica di Colonia del Capo. Janssens non si spaventò di dover sconfiggere i britannici del tenente generale Sir David Baird, per cui mobilitò i suoi uomini e si scontrò con gli inglesi l'8 gennaio 1806, nella battaglia di Blaauwberg, nei pressi di Città del Capo. I suoi uomini furono sconfitti, e Città del Capo si arrese definitivamente ai britannici il 18 gennaio. Secondo i termini della resa, Janssens fu portato in Olanda, e giunse a L'Aia l'8 giugno 1806.

Nel momento in cui Janssens si stava arrendendo ai britannici, la guerra in Europa era terminata con la pace di Presburgo. Al suo ritorno in Olanda, Napoleone aveva già posto il fratello Luigi Bonaparte sul trono del neonato Regno d'Olanda.

Regno d'Olanda e impero francese[modifica | modifica sorgente]

Al ritorno di Janssens, Louis Bonaparte lo nominò segretario generale del dipartimento di guerra. Ricoprì una serie di importanti cariche amministrative fino all'abdicazione di Luigi ed all'annessione dell'Olanda alla Francia nel 1810. L'11 novembre 1810 fu nominato governatore generale del territorio noto, prima dell'annessione, come Indie orientali olandesi, sostituendo Herman Willem Daendels. Giunse a Batavia, Giava, il 15 maggio 1811, dedicandosi subito al rafforzamento delle difese della colonia. Giava beneficiò di numerose truppe olandesi e francesi, paragonata a Colonia del Capo. La flotta d'invasione britannica giusne poco dopo, il 30 luglio, guidata da Sir Samuel Auchmuty.

Janssens organizzò una difesa centrata sulle fortificazioni esistenti, note come Meester Cornelis. I militari francesi sotto il suo comando era scarsamente addestrati, e non appena i britannici assediarono la fortezza lo stesso Janssens guidò una debole difesa e fu obbligato a ritirarsi a Bogor, in seguito residenza del governatore generale britannico Sir Stamford Raffles. Numerosi soldati francesi furono catturati durante la ritirata e nel successivo inseguimento, e lo stesso Janssens fu obbligato ad arrendersi il 18 settembre 1811. Fu imprigionato in Gran Bretagna fino al 12 novembre 1812, data in cui fu rimpatriato in Olanda.

Negli anni seguenti fu coinvolto in alcuni scontri minori, finché non diede le dimissioni dall'esercito francese il 9 aprile 1814.

Dopo le guerre napoleoniche[modifica | modifica sorgente]

Janssens fu coinvolto nell'organizzazione del neonato Regno dei Paesi Bassi come commissario generale di guerra provvisorio, ma diede le dimissioni dopo che gli fu negata la richiesta di riassumere il ruolo di governatore generale delle Indie orientali olandesi. Si ritirò in pensione il 22 maggio 1815.

Morì a L'Aia da veterano pluridecorato all'età di 75 anni.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Unione (Regno d'Olanda) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine dell'Unione (Regno d'Olanda)
— 3 febbraio 1808[2]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordre de la Reunion (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordre de la Reunion (Francia)
— 22 febbraio 1812
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Guglielmo (Regno dei Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine Militare di Guglielmo (Regno dei Paesi Bassi)
— 8 luglio 1815[3]
Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Regno dei Paesi Bassi) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine del Leone dei Paesi Bassi (Regno dei Paesi Bassi)
Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 16 maggio 1811

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b Geert van Uythoven, Biographies of Netherlands officers and statesmen. LIEUTENANT-GENERAL JAN WILLEM JANSSENS
  2. ^ Già aveva ricevuto la croce di Commendatore il 25 novembre 1807
  3. ^ Al n. 16

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Governatore generale di Colonia del Capo Successore
Jacob Abraham Uitenhage de Mist 1803–1806 David Baird
Predecessore Governatore generale delle Indie orientali olandesi Successore
Herman Willem Daendels 1811 Sotto il dominio inglese
con Gilbert Elliot-Murray-Kynynmound

Controllo di autorità VIAF: 13401220

guerre napoleoniche Portale Guerre napoleoniche: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di guerre napoleoniche