In God We Trust

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati del termine, vedi In God We Trust (disambigua).
Il motto In God We Trust su un penny.

In God We Trust (in italiano: Noi confidiamo in Dio) è l'attuale motto nazionale degli Stati Uniti d'America e dello stato della Florida. Il motto apparve per la prima volta su una moneta degli Stati Uniti nel 1864, ma non divenne ufficiale fino al passaggio di una risoluzione congiunta del Congresso nel 1956. È stato adottato al posto di E pluribus unum (in italiano: Da molti, uno riferito ai tredici Stati confluiti negli USA).

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il motto E pluribus unum ("Da molti, uno") fu approvato per uso sul Gran Sigillo degli Stati Uniti nel 1782. Appare ancora sulle monete e sulle banconote, e fu largamente considerato di fatto il motto nazionale. Tuttavia, fino al 1956 non venne riconosciuto dalla legislazione come motto nazionale. Sul Congressional Record del 1956 si può leggere: "In questo momento gli Stati Uniti non hanno un motto nazionale. Il comitato considera appropriato che 'In God we trust' sia designato come il motto nazionale degli Stati Uniti."[1]

Una possibile origine di In God We Trust è la strofa finale di The Star-Spangled Banner. Scritta nel 1814 da Francis Scott Key (e adottato più tardi come l'inno nazionale degli Stati Uniti), la canzone contiene un precedente riferimento alla variazione della frase: "...And this be our motto: In God is our trust. (...e questo sarà il nostro motto: In Dio è la nostra fede.)" [2] Un'altra origine potrebbe venire da John Milton Hay, che fu il segretario personale di Abraham Lincoln. Hay si laureò alla Brown University, il cui motto, In Deo Speramus, è la frase latina per "In Dio confidiamo".

Controversie[modifica | modifica sorgente]

Si dice che il nuovo motto fosse adottato in contrapposizione all'ateismo dell'Unione Sovietica. Al giorno d'oggi, comunque, alcuni[senza fonte] sostengono che contravvenga al Primo Emendamento della Costituzione Americana là dove sancisce la libertà religiosa di ognuno. Infatti libertà religiosa significherebbe anche il diritto a credere che la divinità non esista e quindi il motto andrebbe contro i diritti dei non credenti. Da parte avversa si sostiene invece che lo spirito del Primo Emendamento in materia religiosa sia solo che il Congresso non debba imporre alcuna religione di Stato né proibirne alcuna. Si sostiene anche che nei documenti fondanti lo Stato si fa riferimento espresso alla divinità; gli oppositori sostengono invece che la dichiarazione d'indipendenza sia solo un documento storico.

Il presidente Theodore Roosevelt invece era contrario all'uso del motto sulle monete perché egli riteneva sacrilego mettere il nome di Dio in qualcosa così ordinario come le monete.[senza fonte]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) http://www.nonbeliever.org/images/CR102-13917.pdf Congressional Record, 1956, p. 13917
  2. ^ (EN) 50th Anniversary of Our National Motto, "In God We Trust," 2006

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]