Il serpente

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Il serpente (disambigua).
Il serpente
Titolo originale Le Serpent
Lingua originale Inglese, Francese, Tedesco
Paese di produzione Francia, Italia, Germania Ovest
Anno 1973
Durata 119 min.
Colore colore (Eastmancolor)
Audio mono
Rapporto 2,35 : 1
Genere Spionaggio
Regia Henri Verneuil
Soggetto dal romanzo di Pierre Nord
Sceneggiatura Henri Verneuil e Gilles Perrault
Produttore Henri Verneuil
Casa di produzione EIA, Rialto Film, Les Films de la Boétie
Fotografia Claude Renoir
Montaggio Pierre Gillette
Musiche Ennio Morricone
Scenografia Jacques Saulnier
Costumi Helen Nourry
Trucco Jean-Pierre Eychenne e Marie-Madeleine Paris
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Il serpente (Le Serpent) è un film del 1973 diretto da Henri Verneuil, con Yul Brynner, Henry Fonda, Elga Andersen e Philippe Noiret.

Nel film figurano anche molti attori italiani, tra cui Virna Lisi, Luigi Diberti e Paola Pitagora.

La storia del film è tratta dal romanzo spionistico di Pierre Nord: Le 13émé Suicidé.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Alexei Vlassov, colonnello dell'Unione Sovietica e diplomatico in Francia, deve rientrare a Mosca insieme alla moglie. All'aeroporto riesce a sfuggire al controllo degli agenti sovietici infilandosi di sorpresa nei locali della polizia aeroportuale. I francesi, a cui chiede asilo politico, cercano di avere un tornaconto chiedendogli delle informazioni, ma Vlassov vuole essere consegnato subito agli americani che vengono presto a prelevarlo.

Preso in custodia da Allan Davies, un agente della CIA, Vlassov fornisce una serie di nominativi di spie occidentali che fanno il doppio gioco. I primi nomi che fa sono quelli di due alti funzionari tedeschi: il primo viene trovato presumibilmente suicida, il secondo viene affogato da due uomini rana. Gli omicidi-suicidi si susseguono.

Due appartenenti al servizio segreto britannico fuggono in URSS, messi in allarme da qualcuno. In Francia, si sospetta che il traditore sia Lucien Berthon. Nasce così l'affare Berthon, con i media che si buttano sulla notizia e ne fanno il caso del giorno.

In verità, il vero traditore è il numero due dell'Intelligence Service, Philip Boyle. Durante un incontro segreto che ha con Berthon, Boyle ammette di essere al servizio dell'Unione Sovietica ormai da trent'anni. È riuscito comunque a gettare la colpa sul francese al quale offre un passaporto falso per fuggire in URSS. Anche se rischia la galera se resta in Francia, Berthon rifiuta la proposta. Boyle, allora, gli fa sparare mentre l'altro se ne va via in auto, provocandogli un grave incidente.

Intanto alla Cia, Davies ha un ultimo incontro con Vlassov. Il russo viene a conoscenza delle defezioni dei due inglesi e si meraviglia, dato che nei suoi elenchi non c'erano spie britanniche. Ma Davies gli confessa che è stato lui a inserire i loro nomi: erano due agenti di cui lui sospettava da tempo. Ma, senza prove, non poteva fare niente per accusarli. Così aveva approfittato di Vlassov, aggiungendo quei nomi ai suoi. E a ragione, vista la loro fuga.

Davies, poi, mette il russo davanti a una foto che lo ritrae insieme a Boyle. Una foto che Boyle stesso aveva presentato agli americani ai quali aveva parlato per primo dell'eventuale possibilità di reclutare Vlassov, conosciuto - a suo dire - in Turchia. Davies dimostra in maniera incontrovertibile che l'Ararat, il monte che appare sullo sfondo della foto, è stato ripreso dalla parte russa e non da quella turca. La domanda che ora l'agente della CIA si fa è questa: che ci faceva Boyle in Unione Sovietica?

È passato un po' di tempo: sul confine tra la zona sovietica e quella della Germania Ovest si svolge uno scambio. Davies ha invitato ad accompagnarlo anche Berthon, convalescente delle ferite riportate durante l'incidente. I due uomini assistono insieme all'arrivo di Vlassov che viene scambiato con un pilota americano catturato dai russi.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Il film fu prodotto da Les Films de la Boétie, Euro International Film (EIA) e Rialto Film.

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Distribuito dalla Cinema International Corporation (CIC), uscì nelle sale cinematografiche francesi il 7 aprile 1973, in Germania Ovest il 13 aprile, in Svezia il 29 settembre. Negli USA, venne distribuito dall'AVCO Embassy Pictures nel novembre 1973 con il titolo The Serpent[1].

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IMDb release info

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema