ISDB

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'Integrated Services Digital Broadcasting (ISDB) è lo standard digitale per la televisione e la radio usato in Giappone. L'ISDB ha rimpiazzato lo standard precedente, il MUSE, analogo all'HDTV. Un derivato dell'ISDB, l'ISDB-T International, è stato sviluppato dal governo brasiliano ed è stato largamente adottato in Sudamerica.

L'ISDB, come gli altri standard, si declina in tre forme, a seconda del tipo di tecnica di trasmissione adottata:

ISDB-T[modifica | modifica sorgente]

Paesi che adottano l'ISDB-T[modifica | modifica sorgente]

Asia[modifica | modifica sorgente]

America[modifica | modifica sorgente]

  • Brasile Brasile (ufficialmente adottato l'ISDB-T International, iniziato il broadcasting digitale)
  • Uruguay Uruguay (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)[5][6]
  • Perù Perù (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Argentina Argentina (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Cile Cile (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Venezuela Venezuela (ufficialmente adottato ISDB-T International, inizio del broadcasting digitale)
  • Ecuador Ecuador (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)
  • Costa Rica Costa Rica (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)
  • Paraguay Paraguay (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)[7]
  • Bolivia Bolivia (ufficialmente adottato ISDB-T International, prove di preimplementazione)[8][9]
  • Belize Belize (stanno valutando la piattaforma digitale)
  • Nicaragua Nicaragua (ufficialmente adottato ISDB-T International, iniziate le prove di preimplementazione)[10]
  • Guatemala Guatemala (stanno valutando la piattaforma digitale)

ISDB-S[modifica | modifica sorgente]

ISDB-C[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.malaya.com.ph/aug24/busi5.html
  2. ^ DTV Pilipinas: News5 InterAksyon: We're "turning Japanese" on digital TV platform
  3. ^ Thai Asean News Network
  4. ^ (JA) モルディブ共和国政府による同国国営放送の地デジ日本方式採用決定、日・モルディブ共同声明を公表 [Republic of Maldives decided to adopt ISDB-T, Japan-Maldives issued a joint statement], Tokyo, Ministry of Internal Affairs and Communications, 19 ottobre 2011. URL consultato il 19 ottobre 2011.
  5. ^ DTT: Uruguay Regains Common Sense, Montevideo, Uruguay, ttv medianews, 28 dicembre 2010. URL consultato il 29 dicembre 2010.
  6. ^ Gobierno se decidió por la norma japonesa
  7. ^ Presidencia de la República » 4483, POR EL CUAL SE ADOPTA EL ESTÁNDAR ISDB-T (INTEGRATED SERVICES DIGITAL BROADCASTING TERRESTRIAL) PARA EL SERVICIO DE RADIODIFUSIÓN EN LA MOD...
  8. ^ (JA) Ministry of Internal Affairs and Communications, ボリビア多民族国における地上デジタルテレビ放送日本方式採用の決定 [The decision to adopt Japanese DTT system at Plurinational State of Bolivia], Tokyo, Japan, 5 luglio 2010. URL consultato il 7 luglio 2010.
  9. ^ Bolivia adoptará el sistema digital de TV japonés-brasileño que regirá desde el 2011
  10. ^ TeleSemana, Nicaragua opta por la noma brasileña-japonesa para TV digital, 10 agosto 2010.
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione