Hugo Häring

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hugo Häring (Biberach an der Riß, 11 maggio 1882Göppingen, 17 maggio 1958) è stato un architetto tedesco noto per i suoi saggi sull'architettura organica e per la sua partecipazione al dibattito dottrinale sul funzionalismo negli anni venti e trenta.

Percorso professionale[modifica | modifica wikitesto]

Gut Garkau farm, Scharbeutz, 1922-28

Allievo di Theodor Fischer, uno dei fondatori del Deutscher Werkbund (cui anche Häring aderì), si convinse che ogni edificio deve essere sviluppato secondo le specifiche esigenze del sito e del cliente. Più tardi lavorò a Dresda, Amburgo ed Allenstein, dove il servizio militare durante la prima guerra mondiale lo costrinse ad interrompere la professione[1].

Tra il 1921 e il 1922 si trasferì a Berlino, dove aprì uno studio con Mies van der Rohe e nel 1924 presentò il progetto per la fattoria modello Gut Garkau. Lo stesso anno a Berlino si formava lo Zehnerring (Circolo dei Dieci) che l'anno successivo si trasformò nell'associazione Der Ring di cui Haring fu nominato segretario. Nel 1933 l'associazione fu sciolta e pochi anni più tardi a La Sarraz si formò il CIAM che iniziò a dare diffusione al purismo programmatico dei razionalisti. A La Sarraz Haring assunse una posizione di contrasto con i principii e le metodologie proposti sia da Le Corbusier che da Giedion, che però ebbero la meglio in congresso[1].

Dopo aver partecipato a varie Siedlungen (Berlino, Stoccarda) ed essersi iscritto al Partito Nazista, a 76 anni, morì a Goppingen dopo una lunga malattia.

Pochi dei progetti di Häring furono effettivamente realizzati, ma fu forte la sua influenza sull'opera del suo amico e collega Hans Scharoun. Una delle opere realizzate è un contributo al progetto della Großsiedlung Siemensstadt, a Berlino, dal 1929 al 1931, sotto la direzione di Scharoun[1].

Parentesi cinematografica[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1924, Häring lavorò con il grande regista danese Carl Theodor Dreyer che era venuto a girare in Germania, disegnando i costumi e le scene per il suo film Desiderio del cuore (Mikaël).

Opere principali[modifica | modifica wikitesto]

  • 1912 - Progetto di concorso per il Teatro reale di Berlino
  • 1916 - Casa a Gros Plauen
  • 1916-1919 - Casa Römer a Nuova Ulma
  • 1917 - Abitazione e azienda Reimann, Allenburg
  • 1922 - Fattoria a Walken
  • 1922 - Studio per la Kemperplatz a Berlino (non realizzato)
  • 1922-1926 - Fattoria Garkau, Klingberg am Pönitzer See
  • 1925 - Fabbrica di articoli da fumo a Neustadt
  • 1926 - Case a schiera a Berlino-Zehlendorf
  • 1927 - Casa Woythaler a Berlino-Lankwitz
  • 1928- Casa di vacanze del Dr. Adler a Berlino
  • 1928 - Blocchi di abitazione plurifamiliare a Berlino-Wedding
  • 1928-1929 - Casa Frentzel a Elbing
  • 1929 - Case in linea al quartiere Siemensstadt, Berlino-Charlottenburg-Nord
  • 1932 - Casa Hügo Haring
  • 1933 - Casa del Dr. Dahlem a Berlino
  • 1936 - Casa Ziegler a Berlino-Steglitz
  • 1937-1941 - Casa del Dr. von Prittwitz a Tutzing-Starnberger See
  • 1937-1942 - Casa Krutina a Badenweiler
  • 1940-1945 - Scuola d'arte a Berlino
  • 1947 - Piano di lottizzazione di un quartiere ad Ingelheim
  • 1949-1952 - Casa Guido Schmitz a Biberach
  • 1949-1950 - Casa Werner Schmitz a Biberach
  • 1950 - Casa Gert Schmitz a Biberach

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Piergiacomo Bucciarelli, Hugo Haring, Impegno nella ricerca organica, Dedalo Editore, Bari 1980

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Aschenbrenner, P. Blundell-Jones, Hugo Häring - the Organic versus the Geometric, Edition Axel Menges, 1999
  • P. Blundell-Jones, Hugo Häring - New Buildings, Cambridge University Press, 2003
  • Jose-Manuel GARCÍA ROIG, "Tres arquitectos alemanes. Bruno Taut. Hugo Häring. Martin Wagner", ISBN 978-84-8448-288-8, Valladolid (Spain), 2004, Universidad de Valladolid
  • Piergiacomo Bucciarelli, Hugo Haring, Impegno nella ricerca organica, ISBN 978-88-220-3339-0, Dedalo Editore, Bari 1980

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 71465805 LCCN: n82163392