Erich Mendelsohn

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Erich Mendelsohn

Erich Mendelsohn (Allenstein, 21 marzo 1887San Francisco, 15 settembre 1953) è stato un architetto tedesco.

Einsteinturm

Eric Mendelsohn è un celebre architetto del XX secolo conosciuto per i suoi edifici espressionisti, si afferma in età giovanile, grazie alla realizzazione fra il 1918 e il 1924 della "Torre Einstein" a Potsdam. La torre, progettata come edificio - telescopio, fu costruita per la verifica empirica di alcuni aspetti delle teorie elaborate dal celebre scienziato. Caratterizzato da una forma fortemente plastica che ha permesso di configurarsi come l'edificio più famoso della corrente espressionista. In questi anni l'unico materiale edile che liberasse l'architettura dal vincolo dello squadro e dei piani sovrapposti era il cemento. Il problema in questo caso era creato della particolare forma che complica la costruzione di cassaforme che contenessero la colata di cls ecco che venne realizzata in mattoni con rivestimento cementizio. Nel 1921 Mendelsohn si occupa della realizzazione della "Fabbrica di Cappelli" a Luckenwalde, edificio il cui tetto richiama la forma di un cappello, come a voler pubblicizzare l'edificio stesso.


All'avvento del nazismo fu costretto ad espatriare in Gran Bretagna. Per un certo periodo fu attivo anche in Palestina, prima di stabilirsi negli Stati Uniti.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Ezio Godoli, Erich Mendelsohn Schocken Building, in "Area" n. 71, nov/dic 2003 leggi l'articolo
  • David Palterer, "Tracce di Mendelsohn", in Domus, 646, 1984, pp. 4–9.
  • Leonardo Benevolo, Storia dell'Architettura Moderna, Ed. Laterza, 2003, pagg. 460- 461.
  • David Palterer (a cura di), Erich Mendelsohn - Nuove riflessioni (tit. orig. New Reflections), Ed. Tre Lune Edizioni 2004, pp. 100. ISBN 88-87355-84-3

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 64036345 LCCN: n83234735