Gloydius himalayanus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Gloydius himalayanus
Immagine di Gloydius himalayanus mancante
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Sottordine Serpentes
Famiglia Viperidae
Sottofamiglia Crotalinae
Genere Gloydius
Specie G. himalayanus
Nomenclatura binomiale
Gloydius himalayanus
Günther, 1864
Sinonimi
  • Halys himalayanus Günther, 1864
  • Agkistrodon himalayanus (Günther, 1864)

La vipera dell'Himalaya[1] o vipera dalle fossette dell'Himalaya[2], Gloydius himalayanus Günther 1864, è una specie di serpente velenoso appartenente alla famiglia Viperidae.[3]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

La testa è ampia e allungata, con grandi scaglie simmetriche. Un postocular allungata si estende anteriormente a separare l'occhio da sopra labiale . Il dorso è brunastro, screziato o variegato e forma un disegno di segmenti lineari trasversali. Le squame ventrali sono di colore bianco con puntini o macchioline nere e rosse. La lunghezza media di questi serpenti varia è tra i 76 e i 90 cm.[4] È 'l'unico serpente del Pakistan ad avere le fossette (che gli permettono di percepire il calore) tra l'occhio e la narice.[4]

Distribuzione geografica[modifica | modifica sorgente]

Vive lungo le pendici meridionali dell'Himalaya da nord-est del Pakistan, a nord dell'India (Kashmir, Punjab) e Nepal.[3] Avvistamenti nello stato indiano di Sikkim devono essere confermati.[5]

Habitat[modifica | modifica sorgente]

È una specie di serpenti di montagna, vive ad altitudini che vanno dai 2.100 ai 4.900 metri dell'Himalaya occidentale. Si rifugia sotto caste di legname, fessure, rocce, massi, sporgenze, pietre e foglie cadute.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Gotch AF. 1986. Reptiles -- Their Latin Names Explained. Poole, UK: Blandford Press. 176 pp. ISBN 0-7137-1704-1.
  2. ^ Gloyd HK, Conant R. 1990. Snakes of the Agkistrodon Complex: A Monographic Review. Society for the Study of Amphibians and Reptiles. 614 pp. 52 plates. LCCN 89-50342. ISBN 0-916984-20-6.
  3. ^ a b Crotalinae in The Reptile Database. URL consultato il 22 ottobre 2013.
  4. ^ a b c P, LM Gopalakrishnakone, Chou, Snakes of Medical Importance (Asia-Pacific Region), Singapore, Venom and Toxin Research Group National University of Singapore and International Society on Toxinology (Asia-Pacific section), 1990, pp. 436, ISBN 9971-62-217-3.
  5. ^ McDiarmid RW, Campbell JA, Touré T. 1999. Snake Species of the World: A Taxonomic and Geographic Reference, vol. 1. Herpetologists' League. 511 pp. ISBN 1-893777-00-6 (series). ISBN 1-893777-01-4 (volume).

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

rettili Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili