Giuseppe Sergi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando lo storico, vedi Giuseppe Sergi (storico).

Giuseppe Sergi (Messina, 20 marzo 1841Roma, 17 ottobre 1936) fu un antropologo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Iniziata la sua attività come professore di filosofia nei licei nel 1880, approdò all'ateneo bolognese con un insegnamento di antropologia presso la facoltà di lettere. Negli anni seguenti, grazie all'attività del suo laboratorio di antropologia e psicologia sperimentale presso l'Ateneo romano dove si era trasferito, sviluppò un programma di ricerche scientifiche nell'ambito della psicologia e dell'antropologia.

La sua fama è legata soprattutto allo studio dei tipi umani fossili e al grande lavoro di classificazione antropologica, nel quale, fra l'altro, si avvalse di un metodo di valutazione della morfologia del cranio da lui ideato e descritto, ad esempio, nell'opera L'uomo, secondo le origini, l'antichità, le variazioni e la distribuzione geografica del 1911.

Seguace delle teorie evoluzionistiche formulò ipotesi originali che ebbero, ai suoi tempi, notevole risonanza (origine ed evoluzione dei popoli mediterranei; origine e sviluppo dei popoli italici; ecc..).

Si occupò anche di filosofia, di pedagogia (sua allieva fu Maria Montessori) e di psicologia sperimentale.

A lui si deve l'istituzione della Società Romana di Antropologia (ora Istituto Italiano di Antropologia) nel 1893 e la fondazione a Roma del primo laboratorio di psicologia sperimentale. Noto anche all'estero per i suoi contributi nelle scienze dell'uomo, riuscirà a portare il V Congresso internazionale di psicologia a Roma, nel 1905, sotto la sua presidenza.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Principi di psicologia del 1874.
  • Teoria fisiologica della percezione del 1881[1]
  • Per l'educazione del carattere del 1884[2]
  • Le degenerazioni umane del 1889
  • Psicologia per le scuole del 1890[3]
  • Varietà umane. Principio e metodo di classificazione del 1893[4]
  • Dolore e piacere. Storia naturale dei sentimenti del 1894[5]
  • Arii e Italici: attorno all'Italia preistorica" del 1898.
  • "La decadenza delle nazioni latine" del 1900.
  • La psiche nei fenomeni della vita del 1901[6]
  • L'uomo, secondo le origini, l'antichità, le variazioni e la distribuzione geografica del 1911.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Consultabile on-line nell'Archivio di Storia della Psicologia
  2. ^ Consultabile on-line nell'Archivio di Storia della Psicologia
  3. ^ Consultabile on-line nell'Archivio di Storia della Psicologia
  4. ^ Consultabile on-line nell'Archivio digitale italiano per l'Antropologia
  5. ^ Consultabile on-line nell'Archivio di Storia della Psicologia
  6. ^ Consultabile on-line nell'Archivio di Storia della Psicologia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 73992772 LCCN: n83025580 SBN: IT\ICCU\RAVV\079780