Giuliana Falconieri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Santa Giuliana Falconieri
Giulianafalconieri.jpg

Religiosa

Nascita 1270 circa
Morte 1341
Venerata da Chiesa cattolica
Canonizzazione 16 giugno 1737 da Papa Clemente XII
Santuario principale Basilica della SS.ma Annunziata (Firenze)
Ricorrenza 19 giugno

Giuliana Falconieri (Firenze, 1270 circa – Firenze, 1341) è stata una religiosa italiana, appartenente all'Ordine dei Servi di Maria (OSM); è venerata come santa dalla Chiesa cattolica.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Santa Giuliana proveniva dalla famiglia Falconieri di Firenze, legata in modo speciale all'Ordine dei Servi di Maria in quanto lo zio paterno, fra Alessio († 1310) era stato uno dei Sette Santi Fondatori che nel secolo XIII istituirono proprio quest'Ordine religioso, devoto alla Vergine Gloriosa, Madre di Dio.

Giuliana nacque intorno agli anni settanta del secolo XIII nelle case e laboratori che i Falconieri, ricchi mercanti, possedevano vicino a Santa Maria di Cafaggio (1250), il piccolo oratorio divenuto in seguito la Basilica della Santissima Annunziata di Firenze. L'esempio dello zio e forse i consigli del santo priore generale dei Servi, San Filippo Benizi († 1285), mossero in lei, fin dall'adolescenza, il proposito di consacrare in modo speciale la propria vita a Dio; ma soltanto intorno agli anni novanta del secolo Giuliana raggiunse l'età legale (i 14 anni) in cui, indipendentemente dalla volontà dei genitori, avrebbe potuto scegliere liberamente la propria strada. Una vocazione che in pratica la definiva come Mantellata dei Servi, secondo l'usanza del tempo.

Solo una tradizione orale, che riprendeva una leggenda dispersa ci descrive la sua adolescenza e la sua vita. Il suo primo biografo, l'umanista fra Paolo Attavanti († 1499), così parla brevemente della santa nel suo Dialogus ad Petrum Cosmae, composto nel 1465. Ecco la traduzione:

« La nostra città generò Giuliana, specchio di verginità e memorabile esempio per tutte le donne, tanto che Ella diventò celebre per lo splendore della sua santità. Seguendo infatti i santi insegnamenti, come ci testimonia il suo comportamento, si adornò non di vane doti o dell'approvazione dei mortali per la sua singolare bellezza, ma del merito della sua virtù vera nella quale spesso risiede il decoro e la gloria del successo. Tra l'altro, abbracciando la devozione della «vedovanza» della Santa Madre (Maria Addolorata), ne vestì l'abito della salvezza (che, secondo un'accettabile ipotesi, avrebbe ricevuto ritualmente nel 1305). »

Certamente con il passare degli anni Giuliana si rese sempre più conto che la sua vita spirituale doveva cercare nutrimento sicuro nella devozione a Cristo - e a Cristo nell'Eucaristia. A questo l'aiutava la religiosità cittadina. A Firenze, nella seconda metà del secolo XIII, era ancora vivo il ricordo del miracolo eucaristico avvenuto nel 1230 nella chiesa di Sant'Ambrogio; inoltre il Pontefice Urbano IV, nel 1264, aveva proclamato per tutta la Chiesa la festività del Corpus Domini. Per Firenze dunque in seguito Giuliana divenne la Santa dell'Eucaristia e così la rappresentò nei secoli l'iconografia ufficiale. Ma dai Servi di Maria la santa aveva ricevuto anche una sentitissima devozione alla Madonna. E come i Sette Padri, Giuliana esercitava la sua fede nella concreta assistenza ai bisognosi e ai malati, accolti nei numerosi ospedali della sua città.

La tradizione parla della vita penitente di Giuliana: penitenza anche fisica, come era caratteristica della santità medievale; ma non ci sembra credibile quanto il suo biografo Attavanti ci tramanda in una predica della fine del secolo XV, in cui presenta la santa come esempio di convertita dalla meditazione sul Giudizio universale. Presentazione sfruttata largamente dall'iconografia col simbolo del teschio - la morte e il giudizio - che però non prevale sul simbolo eucaristico, proprio della santa.

Altro titolo che troviamo spesso dato a Giuliana è quello di Fondatrice o meglio Ispiratrice di tutto il ramo femminile - suore, monache e Terz'Ordine dei Servi di Maria. Si è già detto che visse la sua condizione di mantellata in famiglia, a contatto con le vicende della società del suo tempo, ma è certo che dai Servi di Maria di Cafaggio ricevette anche il carisma della vita comunitaria; per questo forse il primo monastero di Suore dei Servi fu ispirato da Giuliana anche se fu realizzato per lascito testamentario da Gherardo di Migliore Guadagni il 26 luglio 1327. Dove sorgesse questo monastero non è noto, ma probabilmente nella Piazza della Santissima Annunziata dove si trova oggi Palazzo Grifoni, e in passato erano delle case appartenute al convento dei Servi. Ed è lì che forse morì la santa nel 1341.

Gli ultimi istanti della sua vita furono rivolti a Gesù Eucaristia. Impossibilitata a ricevere la particola consacrata, secondo l'uso del tempo, la ricevette sul seno, e l'assunse in sé. E l'episodio è rappresentato nell'arte con il biancore dell'ostia nell'attimo che precede la sua sparizione miracolosa.

Il culto[modifica | modifica wikitesto]

L'altare con le spoglie di Giuliana Falconieri nella Santissima Annunziata di Firenze

La festa di Santa Giuliana ricorre il 19 giugno come attesta anche un epitaffio, ritrovato nel suo sepolcro e pubblicato nel 1521. Ecco il testo tradotto dal latino:

« Giuliana, illustre per miracoli, - ornamento di gloria verginale per la famiglia dei Falconieri, per Firenze e per la Religione dei Servi di Maria - avendo imitato la santità dello zio Alessio - che fu uno dei fondatori del suo Ordine - nel sorgere del duplice Sole (forse il segno zodiacale dei Gemelli e il vicino solstizio d'estate ), - dal cielo di dove era venuta, sole ella stessa, fu vista sorridere l'anno del Signore 1341 - a Firenze nell'ambiente dell'Annunziata. »

Non mancano testimonianze di grazie e miracoli attribuiti alla sua intercessione, specie dopo la canonizzazione avvenuta per opera del pontefice Clemente XII il 16 giugno 1737. Il suo corpo si venera nella basilica della SS. Annunziata sotto l'altare della cappella Falconieri (oggi del Santissimo Sacramento).

Nella pittura e scultura la sua immagine è riconoscibile perché un'ostia consacrata le scintilla all'altezza del cuore, sull'abito religioso.

La sua statua come fondatrice di Ordine si trova nella Basilica di San Pietro a Roma, ed è stata scolpita da Pietro Paolo Campi (secc. XVII-XVIII) di Carrara, allievo di Pierre Legros.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessio M. Rossi, osm., Santa Giuliana dei Falconieri, Roma, 1954
  • Eugenio M. Casalini, osm., Iconografia di S. Giuliana Falconieri, in Da una casupola nella Firenze del sec. XIII, pag. 120.
  • Idem, Il dies natalis di S. Giuliana, in «La SS. Annunziata», periodico bimestrale del Santuario, VIII, gennaio-febbraio 1988, pag. 4-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]


Controllo di autorità VIAF: 28183131 LCCN: no2012067862