Giovanni Giorgio IV di Sassonia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Giovanni Giorgio IV di Sassonia

Giovanni Giorgio IV di Sassonia (Dresda, 18 ottobre 1668Dresda, 27 aprile 1694) fu un Elettore di Sassonia e un membro della casa di Wettin.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Giovanni Giorgio era il figlio maggiore dell'Elettore Giovanni Giorgio III e di Anna Sofia di Danimarca.

Giovanni Giorgio succedette al padre come Elettore alla sua morte, il 12 settembre 1691.

All'inizio del suo regno il suo consigliere più fidato era Hans Adam von Schöning, che lo indirizzò verso un'unione tra Sassonia e Brandeburgo all'insegna di una nuova attitudine di indipendenza dall'imperatore. In accordo con questa proposta, il fatto venne proposto a Leopoldo I che si rifiutò di accettare; e conseguentemente le armate sassoni si contrarono con quelle imperiali, facendo in modo che per risolvere le controversie il consigliere Schöning venisse imprigionato nel luglio 1692. Sebbene Giovanni Giorgio fosse mal consigliato dai propri ministri, l'Imperatore cercò un accordo e raggiunse una stretta alleanza con l'Elettore di Sassonia nel 1693.

A Lipsia, il 17 aprile 1692, Giovanni Giorgio sposò Eleonora Erdmuthe di Sassonia-Eisenach, Margravia di Brandenburgo-Ansbach. Il giovane elettore venne forzato a sposarsi dalla madre, l'Elettrice Anna Sofia, con l'esplicito presupposto di dare eredi legittimi all'elettorato. Per questo motivo il matrimonio di Giovanni Giorgio fu infelice e trovò rifugio nell'amante Maddalena Sibilla di Neidschutz.

L'ultimo Elettore (il padre di Giorgio) aveva tentato di separarli, preoccupato com'era della loro "vicinanza" — formalmente, Maddalena Sibilla era la figlia legittimata dell'Elettore Giovanni Giorgio III e di Ursula Margherita di Haugwitz; per ordine dell'Elettore, Ursula si sposò con il Colonnello Rodolfo di Neidschutz, che doveva apparire formalmente come il padre della loro figlia. Come conseguenza di questo, Giovanni Giorgio e Maddalena Sibilla erano fratellastri.

Probabilmente Giovanni Giorgio non fu mai a conoscenza di questa stretta parentela ed interpretò la volontà del padre come un mal consiglio. Subito dopo aver assunto l'Elettorato, visse apertamente con lei e divenne la "favorita", la sua amante ufficiale.

L'Elettrice Eleonora Erdmuthe, umiliata ogni giorno di più sin dal matrimonio con il marito, venne relegata a Hofe (la residenza ufficiale degli elettori) e Giovanni Giorgio spostò la propria residenza con Maddalena Sibilla in un altro palazzo.

Follemente innamorato dell'amante ed intenzionato a sposarla, Giovanni Giorgio tentò di assassinare la moglie; questo fu evitato solo per intervento del fratello minore, Federico Augusto: quando Giovanni Giorgio tentò di trafiggere Eleonora con una spada, il disarmato Federico riuscì a sviare il colpo a mani nude, il che gli causò un handicap permanente.

Il 20 febbraio 1693 Maddalena Sibilla venne creata Contessa di Rochlitz (Reichgrafïn von Rochlitz) con Decreto Imperiale. Poco tempo prima aveva dato alla luce l'unica figlia della coppia, Guglielmina Maria. Legittimata, il Re e la Regina d'Inghilterra le furono padrino e madrina.

Ma la felicità ebbe breve durata: Maddalena Sibilla contrasse il morbillo e morì il 4 aprile 1694, tra le braccia dell'elettore, che contrasse anch'egli la malattia.

Giovanni Giorgio morì ventitré giorni dopo, il 27 aprile e venne sepolto nella Cattedrale di Freiberg.

Essendo morto senza eredi, venne succeduto come elettore dal fratello Federico Augusto I (Re di Polonia con il nome di Augusto II di Polonia). Il nuovo elettore si prese cura della piccola orfana Guglielmina Maria e la crebbe a corte. Egli la riconobbe come propria nipote e la fece sposare ad un conte polacco.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Elettore di Sassonia Successore Coat of arms of Saxony.svg
Giovanni Giorgio III 1691-1694 Federico Augusto I

Controllo di autorità VIAF: 62353907 LCCN: n84212548