Gaetano Savatteri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Gaetano Savatteri (Milano, 1964) è un giornalista e scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Nato a Milano da genitori originari di Racalmuto, a dodici anni torna con la famiglia in Sicilia. Nel 1980, insieme con altri giovani ragazzi apre il periodico Malgrado Tutto, che potrà vantare la pubblicazione di alcuni articoli di Leonardo Sciascia, Andrea Camilleri, Giuseppe Bonaviri e Matteo Collura.

Dopo aver conseguito la maturità presso il Liceo Classico Empedocle di Agrigento, Savatteri comincia a lavorare al Giornale di Sicilia, per poi trasferirsi a Roma prima come inviato de L'Indipendente e, in seguito, come giornalista del Tg5.

Savatteri è autore di vari romanzi, il primo La congiura dei Loquaci nel 2000.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Ha ricevuto nel 2003, insieme allo scrittore Andrea Camilleri, il Premio "Racalmare". [1].

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • La sfida di Orlando, Arbor, Roma, 1993.
  • Voci del verbo mafiare. Aforismi di Cosa Nostra, Tullio Pironti, Napoli, 1993 (con Pietro Calderoni.
  • Premiata ditta servizi segreti, Arbor, Roma, 1994 (con Paola Bolaffio).
  • Ladri di vita. Storie di strozzini e disperati, Baldini&Castoldi, Milano 1996 (con Tano Grasso).
  • L'attentatuni. Storia di sbirri e di mafiosi, Baldini&Castoldi, Milano, 1998 (con Giovanni Bianconi).
  • La congiura dei loquaci, Sellerio, Palermo, 2000.
  • La ferita di Vishinskij, Sellerio, Palermo, 2003.
  • Postfazione a Io e Yvonne, di Rasi & Villa, Dario Flaccovio Editore, Palermo, 2003.
  • Pirandello detective? così è (se vi pare), Noir in Festival, Courmayeur, 2004.
  • I siciliani, Laterza, Roma-Bari, 2005.
  • Verde, racconto in Sei colori siciliani, Kalós, Palermo, 2005.
  • Gli uomini che non si voltano, Sellerio, Palermo, 2006.
  • La volata di Calò, Sellerio, Palermo, 2008.
  • Uno per tutti, Sellerio, Palermo, 2008.
  • I ragazzi di Regalpetra, Rizzoli, 2009.
  • Strani nostrani, Novantacento, 2010.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ I premi «Racalmare» a Camilleri e Savatteri