Francesco Serlupi Crescenzi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Serlupi Crescenzi
cardinale di Santa Romana Chiesa
Card.Serlupi.jpg
Ritratto del Cardinal Serlupi Crescenzi
Ikkon Cardinale Francesco SERLUPI 5 very small.JPG
Titolo Cardinale prete di Santa Prassede
Nato 26 ottobre 1755, Roma
Creato cardinale 10 marzo 1823 da papa Pio VII
Deceduto 6 febbraio 1828, Roma

Francesco Serlupi Crescenzi (Roma, 26 ottobre 1755Roma, 6 febbraio 1828) è stato un cardinale italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Giovinezza[modifica | modifica sorgente]

Nato a Roma il 26 ottobre 1755 dall'antica famiglia patrizia romana dei marchesi Serlupi Crescenzi, studiò legge e da giovane fu votante del Tribunale della Segnatura Apostolica sotto papa Pio VI e poi referendario dello stesso Tribunale di giustizia e di grazia (17 agosto 1780).

La carriera ecclesiastica[modifica | modifica sorgente]

Fu ordinato sacerdote il 4 maggio 1801, fu auditore della Sacra Romana Rota (4 maggio 1801) e scelto dal cardinal Romoaldo Braschi come vicario della patriarcale Basilica Vaticana (2 gennaio 1808). Fu pro-governatore di Roma (24 settembre 1808 - 6 luglio 1809) e venne rimosso dall'incarico dai francesi e inviato in Corsica, ivi imprigionato per tre anni. Decano degli Auditori della Sacra Romana Rota nell'agosto 1817.

Creato cardinale prete nel Concistoro del 10 marzo 1823, con il titolo di Santa Prassede (16 maggio 1823) e annoverato alle congregazioni cardinalizie della concistoriale, del concilio, dei riti, della reverenda Fabbrica di San Pietro e della Lauretana.

La morte[modifica | modifica sorgente]

Morì a Roma il 6 febbraio 1828 e fu esposto nella chiesa di Santa Maria in Aracoeli dove si svolsero i funerali celebrati dal cardinal De Gregorio e venne sepolto nella Cappella di famiglia dedicata alla SS. Concezione nella stessa chiesa.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Boutry Philippe, Souverain et Pontife, Ecole francaise de Rome, 2002, pp. 466–467.
  • Del Re Niccolò, Monsignor governatore di Roma, Istituto di Studi romani, 1972, p. 122.
  • Gaetano Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica, Venezia 1853, vol. 64, p. 183-184.
  • Ritzler Remigium, Hierarchia Catholica, vol. VII, Padova 1968, pp. 15 e 44.
  • Weber Christoph, Legati e governatori dello Stato Pontificio 1550-1809, Ufficio centrale per i beni archivistici, 1994, pp. 362 e 909-910.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]