Fitna (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Fitna
Titolo originale Fitna
Lingua originale Arabo/Inglese/Olandese/Persiano
Paese di produzione Paesi Bassi
Anno 2008
Durata 16 min, 48 sec
Colore colore
Audio sonoro
Genere documentario
Regia Scarlet Pimpernel (Geert Wilders)
Sceneggiatura Scarlet Pimpernel (Geert Wilders)
Montaggio Scarlet Pimpernel
Musiche Edvard Grieg, Pëtr Il'ič Čajkovskij

Fitna (arabo: فِتْنَةٌ‎) è un cortometraggio del 2008 realizzato dal politico nederlandese Geert Wilders. Il titolo non è stato scelto a caso[1]: il termine in lingua araba ha diversi significati tra i quali "prova di fede nei momenti di fede" e "guerra civile", "divisione".

Della durata approssimativa di 17 minuti, il film è una denuncia all'Islam e mostra sure appositamente selezionate dal Corano, rapporti giornalistici e mediatici per descrivere gli atti di violenza perpetrati dai musulmani. L'opera intende anche dimostrare come il libro sacro dell'Islam inciti gli stessi musulmani a odiare e punire i correligiosi che non ne seguono o violano gli insegnamenti scritti; di conseguenza viene argomentato l'universalismo islamico e l'incoraggiamento dell'Islam a fenomeni come: antigiudaismo, terrorismo, violenza contro le donne e omosessuali. Larga parte del documentario affronta il fenomeno anche a livello locale, trattando dell'influenza negativa che l'Islam ha nei Paesi Bassi. La regia è firmata dallo stesso Wilders, accreditato, come in altri ruoli, con lo pseudonimo "Scarlet Pimpernel" ("Primula Rossa")

Realizzazione[modifica | modifica sorgente]

Si era fatta menzione alla realizzazione del documentario per la prima volta il 27 novembre 2007; il governo olandese espresse subito la preoccupazione riguardo ai contenuti che sarebbero stato presentati nel film[2]. La produzione è stata commissionata dalla fondazione "Friends of the Party for Freedom" (PVV), la quale si è accreditata come compagnia di produzione sotto lo pseudonimo "Scarlet Pimpernel Productions", adottato per timore di ritorsioni.[3]

Il governo olandese pianificò diversi sistemi di sicurezza in impianti nazionali ed esteri, come le ambasciate o i consolati, per rispondere in maniera adeguata ad attacchi terroristici o manifestazioni violente che avrebbero potuto sorgere in seguito alla distribuzione[4].

Il primo ministro Jan Peter Balkenende manifestò la propria preoccupazione circa le conseguenze e le possibili ripercussioni che il documentario avrebbe potuto avere sugli interessi economici e dei cittadini olandesi.[5] Per tutta risposta, Wilders accusò il primo ministro di capitolare per l'Islam.[6]

Wilders fu avvisato da Tjibbe Joustra, elemento di spicco dell'antiterrorismo olandese, che il film avrebbe potuto «portare a reazioni in grado di mettere in pericolo l'ordine pubblico, la sicurezza e l'economia».[7]

Distribuzione[modifica | modifica sorgente]

Per timore di ritorsioni violente causate dal contenuto, la distribuzione e la presentazione dell'opera sono state incerte fino all'ultimo momento.

Il centro stampa olandese Nieuwspoort si offrì di distribuire il film, con la condizione, però, che Wilders stesso pagasse per garantire un'adeguata protezione alle proiezioni previste in sala stampa e conferenze; il politico declinò l'invito perché sarebbe stato proibitivo sostenere tali cifre.[8][9]

Dopo aver fallito diversi negoziati con tutte le emittenti televisive olandesi per ottenere la trasmissione del documentario[10][11][12], Wilders ha creato il dominio Fitna TheMovie con l'intenzione di presentare lì il film il 5 marzo 2008[13][14][15], ma il sito è stato sospeso[16][17].

La Nederlandse Moslim Omroep (NMO) si offrì di dare spazio alla trasmissione del film, ammettendo subito che non avrebbe potuto dare garanzie circa la possibilità di prevenire azioni o danni all'opera, in cambio della partecipazione di Wilders a un dibattito con sostenitori e detrattori della pellicola;[18][19] anche in quel caso il politico declinò l'offerta[20].

Lanciato in versione inglese e neerlandese il 27 marzo 2008 su Liveleak, sito web di condivisione video, il documentario è stato rimosso dai server del sito il giorno seguente dai redattori perché la sua presenza avrebbe significato una «seria minaccia per il personale» dal momento che erano pervenute ai responsabili minacce di «natura molto grave». Due giorni dopo, il cortometraggio è stato restaurato e ricaricato sul sito, ma rimosso tempestivamente da Wilders per violazione di copyright.[21][22][23][24]

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

L'opera ha ricevuto diverse critiche negative a livello internazionale, derivanti soprattutto dal fatto che il film non propone una visione oggettiva dell'integralismo islamico, ma vuole rappresentare invece una critica all'Islam come religione.

Rispondendo alle accuse di islamofobia lanciate persino dall'ONU all'epoca del lancio distributivo[25][26], Wilders ha dichiarato che il film «è un invito a scrollarsi di dosso quella strisciante tirannia che è l'islamizzazione».[27]

Sequel[modifica | modifica sorgente]

Wilders ha ammesso le sue intenzioni di realizzare un seguito per il documentario.[28]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Hold your breath: 'Fitna' spreading seeds of hatred in Today's Zaman, 29 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  2. ^ (NL) Paul Jansen, Provocerende film Wilders in De Telegraaf, 27 novembre 2007. URL consultato il 22 marzo 2008.
  3. ^ (NL) Rapper wil 25.000 euro van Wilders in De Volkskrant, 7 aprile 2008. URL consultato l'8 aprile 2008.
  4. ^ (EN) Perro de Jong, Wilders and his film worry Dutch expats in NowPublic, 23 gennaio 2008. URL consultato l'8 marzo 2008.
  5. ^ (EN) Mark Tran, Dutch government could ban anti-Islam film in The Guardian, 3 marzo 2008. URL consultato l'8 marzo 2008.
  6. ^ (NL) Wilders: Premier is beroepslafaard in elsevier.nl, 23 febbraio 2008. URL consultato l'8 marzo 2008.
  7. ^ (EN) Dutch MP warned over Islam film in BBC News, 23 gennaio 2008. URL consultato il 31 marzo 2008.
  8. ^ (NL) Partij voor de Vrijheid, Wilders ziet af van persconferentie film, 12 marzo 2008. URL consultato il 12 marzo 2008.
  9. ^ (NL) Film Wilders niet in Nieuwspoort in De Pers, 11 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  10. ^ (NL) Press Review 29 February 2008 in Radio Netherlands Worldwide, 29 febbraio 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  11. ^ (NL) Dutch television stations refuse anti-Qur'an film in Radio Netherlands Worldwide, 6 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  12. ^ (NL) Geen enkele omroep wil film Wilders uitzenden in De Volkskrant, 5 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  13. ^ (NL) Wilders' film website goes online in De Volkskrant, 5 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  14. ^ (EN) Dutch protest against Islam critic's Koran film in Reuters, 22 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  15. ^ Dutch draw on past crises to deal with Islam film Page 2, "As no broadcaster has agreed to show it, it is expected to be released on the Internet on March 28." in Reuters, 14 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  16. ^ Dutch want Koran film shown but fear reactions: poll, Reuters, 5 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  17. ^ Wilders' film website goes online, Radio Netherlands Worldwide, 5 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  18. ^ (NL) Ana Karadarevic, Moslimomroep kandidaat voor Fitna in De Pers, 22 marzo 2008. URL consultato il 28 marzo 2008.
  19. ^ (NL) Wilders slaat aanbod moslimomroep af, De Telegraaf, Nederland, 23 marzo 2008. URL consultato il 31 marzo 2008.
  20. ^ (NL) Wilders: ,,No way, NMO" in Algemeen Nederlands Persbureau, 24 marzo 2008. URL consultato il 28 marzo 2008.
  21. ^ (EN) Dutch lawmaker's film criticizing Islam finds Web host in CNN, 27 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  22. ^ Film critical of Islam dropped from Web site, CNN, 28 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  23. ^ Threats push anti-Qur'an film Fitna offline, Radio Netherlands Worldwide, 28 marzo 2008. URL consultato il 1º aprile 2008.
  24. ^ (EN) Thomas Claburn, Anti-Islamic Film Taken Offline Following Threats in InformationWeek, 28 marzo 2008. URL consultato il 28 marzo 2008.
  25. ^ NO JUSTIFICATION FOR HATE SPEECH OR INCITEMENT, SAYS SECRETARY-GENERAL; IN STRONG CONDEMNATION OF ‘ANTI-ISLAMIC’ FILM in UN News Centre, 28 marzo 2008. URL consultato il 2 aprile 2008.
  26. ^ Lewis Krauskopf, U.N.'s Ban condemns Dutch film as anti-Islamic in Reuters, 28 marzo 2008. URL consultato il 28 marzo 2008.
  27. ^ Michael Park, Iran Warns Netherlands Not to Air Controversial 'Anti-Muslim' Film in Fox News, 21 gennaio 2008. URL consultato l'8 marzo 2008.
  28. ^ (EN) Dutch MP plans sequel to anti-Islam film Fitna in CBC News, 16 aprile 2009. URL consultato il 26 marzo 2011.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema