Fisica applicata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Immagine MRI

Fisica applicata è un termine generico che indica la parte della fisica che si interessa di particolari utilizzi tecnologici. "Applicata" si distingue da "pura" attraverso una sottile combinazione di fattori quali le motivazioni e le modalità della ricerca e le relazioni tra tecnologia e scienza influenzate dal lavoro. Solitamente differisce dall'ingegneria in quanto la fisica applicata non può portare direttamente alla progettazione di qualcosa in particolare, ma piuttosto utilizzando la fisica o la ricerca condotta in questo campo può portare allo sviluppo di nuove tecnologie o alla risoluzioni di problemi propri dell'ingegneria. Questo metodo è simile alle applicazioni della matematica applicata. In altre parole, la fisica applicata si basa sulle verità fondamentali e sui concetti più importanti delle scienze fisiche ma soprattutto interessata all'applicazione di questi principi scientifici nei sistemi pratici. La fisica applicata presenta campi di ricerca molto ampi; ad esempio, sono molte le persone che lavorano nella ricerca riguardante la fisica degli acceleratori in modo da permettere la costruzione di acceleratore di particelle sempre migliori utili nei campi di ricerca della fisica teorica.

Campi ed aree di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Esperimento per mezzo di un laser
Modellazione a computer di una navetta spaziale durante il rientro

Importanti istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Fisica Portale Fisica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Fisica