Filippo Villani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Filippo Villani (Firenze, 13251407) è stato uno scrittore e storico italiano, era nipote di Giovanni Villani, di cui proseguì la Cronica.

Umanista, fu cancelliere a Perugia dal 1375 al 1381. Proseguì la redazione degli annali municipali di Firenze ("Cronica") iniziata da Giovanni Villani, fino agli eventi del 1364. Scrisse inoltre il Liber de origine civitatis Florentiae et eiusdem famosis civibus, dedicato alle origini di Fiesole e Firenze e ad una serie di personaggi di spicco della storia fiorentina. Coltivò rapporti di amicizia con Coluccio Salutati. Dal 1391 al 1402 fu successore di Giovanni Boccaccio nella lettura di Dante – condusse per il poema l'esegesi allegorica Expositio seu Comentum –, e per questi redasse il Codice Laurenziano di Santa Croce della Divina Commedia.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]