Faravahar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Faravahar-Gold.svg
Il faravahar (al centro il Fravashi).
Parte di una serie sul

Zoroastrismo

 
Argomenti primari

Zoroastrismo / Mazdaismo
Ahura Mazda
Zarathustra
aša (asha) / arta

Angeli e demoni

Amesha Spentas · Yazatas
Ahuras · Daeva
Angra Mainyu

Scritture e venerazione

Avesta
Gathas · Yasna
Vendidad · Visperad
Yasht · Khordeh Avesta
Ab-Zohr
L'invocazione di Ahuna Vairya
Templi del fuoco

Resoconti e leggende

Dēnkard · Bundahišn
Libro di Arda Viraf
Libro di Jamasp
Storia di Sanjan

Storia e cultura

Zurvanismo
Calendario · Celebrazioni
Matrimomio
Escatologia

Aderenti

Zoroastriani in Iran
Parsi · Irani
• • •
Persecuzione degli zoroastriani

Voci correlate

Categoria

Il faravahar (persiano medio: prʾwhr) è uno dei simboli meglio noti dello zoroastrismo, la religione di stato degli antichi Imperi persiani. In Iran, al giorno d'oggi dove lo stato è successore delle antiche dinastie persiane, lo zoroastrismo non è ormai da tempo la religione ufficiale di stato; tuttavia il faravahar è adesso venuto a rappresentare un simbolo nazionale persiano che riflette sia l'antica che la moderna Persia, attualmente conosciuta come Iran.[1][2]. L'etimologia di Faravahar deriva dalla radice del medio persiano /frwr/ (la scrittura Pahlavi del persiano medio non rappresenta le vocali brevi), e la parola è perciò variamente pronunciata/scritta farohar, frohar, frawahr, fravahr e così via, poiché non c'è accordo riguardo al metodo di traslitterazione della parola del persiano medio in un'altra lingua (italiana, inglese, francese, ecc). Nel dizionario di Dekhoda e nel dizionario persiano Burhan Qati' del XVII secolo, essa appare come parsi "furuhar" (فروهر). L'Enciclopedia Iranica la rende con frawahr.[3]

Una figura neo-assira "arciere rivestito di piuma" (arciere alato), simbolizzante Ashur. La mano destra si tende in modo simile alla figura del Faravahar, mentre la sinistra tiene un arco invece che un anello (rilievo del IX o VIII secolo a.C.).

Il disco alato ha una lunga storia nell'arte e cultura del Vicino e Medio Oriente antico. Storicamente, il simbolo viene influenzato dal geroglifico del "sole alato" che appare sui sigilli reali nell'età del bronzo (il SOL SUUS luvio, simbolizzante in particolare il potere regale). Al tempo dei neo-assiri, un busto umano viene aggiunto al disco, l'"arciere rivestito di piume", interpretato come simbolo di Assur.

Mentre si pensa comunemente che il simbolo rappresenti un Fravashi (c. un angelo guardiano), da cui deriva il suo nome (vedi sotto), ciò che esso rappresentava nelle menti di coloro che lo adattarono dai più antichi rilievi mesopotamici ed egiziani non è chiaro. Poiché il simbolo per prima appare su iscrizioni regali, si è anche pensato che esso rappresenti la "Gloria Reale Divina" (khvarenah), o il Fravashi del re, oppure rappresenti il mandato divino che era il fondamento dell'autotità del re.

Questa relazione tra il nome del simbolo e la classe di entità divine che esso rappresenta, riflette l'attuale credenza che il simbolo rappresenti un Fravashi. Tuttavia, non vi è nessuna descrizione fisica dei Fravashi nell'Avesta, i testi sacri del zoroastrismo, e in avestano le entità sono grammaticalmente femminili.

Nello zoroastrismo attuale, il faravahar viene detto che esso rappresenti un ricordo dello scopo di qualcuno in vita, il quale si trova a vivere in un tale modo che l'anima avanza verso frasho-kereti, o perviene all'unione con Ahura Mazda, la suprema divinità nello zoroastrismo. Sebbene ci siano numerose interpretazioni degli elementi individuali del simbolo, nessuna di esse è più antica del XX secolo. Il simbolo in realtà, rappresenta l'anima prima della nascita e dopo la morte, ovvero il Fato, che è differente dal Destino, ossia, il periodo che intercorre tra nascita e morte ed è governato dal libero arbitrio umano. Da questo simbolo, ebbe origine il Libro Dei Morti Egiziano o Libri di Thot, definiti anche come La chiave Ermetica di Ermete Trismegisto, composto da 22 lamine geroglifiche chiamate "Trionfi", alla base di tutta la magia (detta anche Tavola Smaragdina). La simbologia di Ermete Trismegisto non rappresenta in realtà alcuna divinità antropomorfica, ma si riferisce al pianeta Mercurio, presente nelle case astrologiche, e rappresentante la comunicazione. Questo simbolo lo si può riitrovare anche nel codice di Leningrado assieme ai suoi 5664 documenti che lo rappresentano.

Il Faravahar dipinto nell'iscrizione di Behistun. Fu solo durante il regno di Dario I, e forse dunque rappresentante Dario in persona, che al simbolo venne aggiunta la forma umana oltre alle ali.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ ایران باستان
  2. ^ فروهر | نماد شناسی
  3. ^ Questo riflette la forma dibacheh della scrittura Pazend, corrispondente al Libro di Pahlavi prʾwhr.

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • (EN) Foruhar entrata nel dizionario Dehkhoda.
  • (EN) Mary Boyce, Fravashi su Enciclopedia Iranica.


Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]