Famiglia Power Macintosh G3

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Power Macintosh G3 Minitower

I Power Macintosh G3 sono una linea di computer prodotti da Apple. Essi usano il microprocessore PowerPC G3 (PPC750).

Il maggiore incremento alle prestazioni del sistema è stato portato dall'introduzione di un'ampia cache di secondo livello che ha ridotto i tempi di attesa dei dati e ha sgravato il bus di sistema di una parte del carico, migliorandone quindi l'efficienza. La cache L2 e il processore PowerPC G3 prodotto da Motorola rendevano il Power Macintosh G3 notevolmente più veloce di un IBM compatibile a frequenze di funzionamento simile. Originariamente il Power Mac G3 era stato progettato come un modello intermedio tra i computer Performa e i Power Mac di fascia alta come l'8600 e il 9600. Durante lo sviluppo fu subito chiaro che i G3 erano il realtà più veloci anche del Power Mac 9600 e quindi l'Apple decise di farlo diventare un computer di fascia alta.

La serie originale "beige" dei Power Mac G3 era disponibile in due versioni: una versione desktop simile come forma al Power Mac 7300, e la versione minitower che era simile (sebbene più stretta) al Power Mac 8600. Dotata di un PowerPC G3 a frequenze di 233, 266, 300, o 333 MHz questa macchina utilizzava un bus a 66 MHz e delle memorie SDRAM, ed era uno dei primi Power Mac a utilizzare il controller IDE per gestire gli hard disk. Queste macchine non erano dotate di circuiti audio integrati sulla scheda madre. Per la scheda audio veniva utilizzato uno slot apposito ove poteva essere montata anche una scheda con uscita S-Video. Il lettore DVD era disponibile come opzione e era anche disponibile il lettore Zip in opzione. Queste macchine disponevano di un connettore SCSI, un connettore ADB, 10base-T ethernet, due porte seriali, una scheda grafica ATI (inizialmente la Rage II, in seguito la Rage Pro) con spazio per espandere la VRAM. Tre slot PCI e un modem interno su slot.

I primi G3 beige (principalmente le macchine a 233 MHz), dotati delle prime ROM e motherboard, non supportano la gestione avanzata dei controller IDE. Quindi sono limitati a un totale di massimo due unità gestibili dal controller, le revisioni successive invece supportano pienamente la gestione dell'IDE e quindi anche quattro periferiche.

La serie Power Mac G3 (Blu e Bianco), introdotta nel Macworld expo di San Francisco del 1999, ha un case totalmente nuovo, simile agli altri sistemi tower case per dimensioni e forma, ma oltre non aveva nulla a che spartire con i fratelli maggiori, il nuovo G3 montava innovativi materiali (vennero usati gli stessi policarbonati traslucidi dell'iMac), protuberanze pensili ai quattro angoli, un pannello frontale blu, e, in entrambi i lati stampato dietro la fascia bianca una scritta recante G3 in sans-serif. Il primo modello Power Mac presentato dopo il rilascio dell'iMac, utilizza una nuova scheda madre installata nel portello e una nuova apertura a porta che consente un aggiornamento della macchina semplice e veloce, per aprire la macchina non servivano cacciaviti o altro, il case era dotato di una maniglia che permetteva di far ruotare il portello con la scheda madre e di accedere subito a tutti i componenti, inoltre era possibile continuare a lavorare con il computer anche quando il case era aperto (Quel case è stato usato poi da tutti i modelli di Power Macintosh G4 eccetto per il Cube.) Questo modello usava una nuova versione del PowerPC G3 sviluppata da IBM utilizzando la nuova tecnologia al rame che permetteva a i nuovi processori di assorbire un quarto della potenza assorbita dai processori prodotti da Motorola. Era disponibile a frequenze di 300, 350, 400, e 450 MHz, la scheda madre aveva 4 slot PCI, 3 slot a 64-bit 33 MHz, e uno a 32-bit 66 MHz dedicato alla scheda grafica, una ATI Rage 128. I quattro slot per la RAM accettavano moduli PC100 SDRAM, consentendo di installare al massimo 1 GB. Il controller IDE integrato venne aggiornato all'Ultra ATA/33, e lo standard SCSI venne rimpiazzato da due porte FireWire. La porta seriale è stata sostituita da due porte USB. La porta ADB era ancora presente, e vi era l'opzione per un modem interno. L'ethernet divenne la 100base-T e la logica dedicata dell'audio venne reinserita sulla scheda madre. Zip rimase come opzione e molte configurazioni comprendevano un lettore DVD e un modulo per la decodifica hardware dei video su DVD. Il Power Mac Blu e Bianco è stato il primo Macintosh con architettura "New World" basato su Open Firmware, è stato anche il primo Macintosh sprovvisto di SCSI. Inizialmente molti utenti preferirono comprare i PowerMac G3 della serie precedente per mantenere la compatibilità con le vecchie periferiche.

I primi G3 Blu e Bianchi avevano dei problemi con il controller IDE. Se venivano collegati due hard disk su lo stesso canale si avevano moltissimi errori di trasmissione delle informazioni e inoltre aveva problemi di compatibilità con molti hard disk. La revisione B risolse il problema di trasmissione, ha reso il controller più tollerante con i dischi fissi e ha apportato un aggiornamento alla scheda grafica.

Lista dei modelli[modifica | modifica wikitesto]

Curly Brackets.svg
A questa voce o sezione va aggiunto il template sinottico {{Computer}}
Per favore, aggiungi e riempi opportunamente il template e poi rimuovi questo avviso.
Per le altre pagine a cui aggiungere questo template, vedi la relativa categoria.

Power Macintosh G3 desktop & minitower ("Beige")[modifica | modifica wikitesto]

Presentazione: novembre, 1997
Dismissione: gennaio, 1999
Costo: $ ND
CPU: PowerPC 750
Frequenza CPU: 233/333 MHz
FPU: Integrata
L1 Cache: 64 kB
L2 Cache: 1024 kB
L3 Cache:
Bus: 66 MHz
Slot: 3 PCI
RAM: 0 MB
Memoria: Max 768 MB, 3 slot RAM da 15 ns
VRAM: 2 MB Max 6 MB
Video:
Audio: Uscita audio a 16 bit stereo
Ingresso audio a 16 bit stereo
Porte: 2 Seriali
ADB
SCSI
Video Out
Comunicazione: Ethernet
Unita Ottica: CD-ROM 24X
Hard Drive: 4 GB IDE
Consumo: 150 Watt
Peso: 16 kg
Dimensione: A L P 43.1 x 22.6 x 44.2 cm
Sistema operativo: System 8.0
ROM: 4 MB

PowerMac g3 233.jpg

Power Macintosh G3 tower ("Blue and White")[modifica | modifica wikitesto]

Presentazione: gennaio, 1999
Dismissione: settembre, 1999
Costo: $ 1599
CPU: PowerPC 750
Frequenza CPU: 300/450 MHz
FPU: Integrata
L1 Cache: 64 kB
L2 Cache: 1024 kB
L3 Cache:
Bus: 100 MHz
Slot: 4 PCI
RAM: 0 MB
Memoria: Max 1024 MB, 4 slot RAM da 10 ns
VRAM: 16 ATI RAGE 128
Video: 1
Audio: Uscita audio a 16 bit stereo
Ingresso audio a 16 bit stereo
Porte: FireWire
ADB
USB
Comunicazione: Ethernet 10/100
Unita Ottica: CD-ROM 32X/ DVD-ROM/RAM
Hard Drive: 6/12 GB IDE
Consumo: 200 Watt
Peso: 13 kg
Dimensione: A L P 43.1 x 22.6 x 44.2 cm
Sistema operativo: System 8.5.1
ROM: 4 MB


Power Macintosh G3 All-in-One[modifica | modifica wikitesto]

Presentazione: novembre, 1997
Dismissione: maggio, 1998
Costo: $ ND
CPU: PowerPC 750
Frequenza CPU: 250 MHz
FPU: Integrata
L1 Cache: 64 kB
L2 Cache: 512 kB
L3 Cache:
Bus: 50 MHz
Slot: 2 PC Card II o 1 III, cardBus
RAM: 32 MB
Memoria: Max 160 MB, 2 slot RAM da 60 ns
VRAM:
Video: 12.1" TFT matrice attiva
800 X 600 16 bit
Audio: Uscita audio a 16 bit stereo
Ingresso audio a 16 bit mono
Porte: Seriale
ADB
SCSI
IrDA
Comunicazione: Ethernet
Unita Ottica: CD-ROM 24X/ DVD-ROM
Hard Drive: 5 GB IDE
Consumo: 45 Watt
Peso: 3.4 kg
Dimensione: A L P 4 x 32.2 x 26.4 cm
Sistema operativo: System 8.0
ROM: 4 MB


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]