Fëdor Dan

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Fëdor Il'ič Dan (San Pietroburgo, 19 ottobre 1871New York, 22 gennaio 1947) è stato uno scrittore e politico russo.

Aderì alla corrente menscevica del Partito Operaio Socialdemocratico Russo e ne divenne uno dei leader. Sostenne il Governo Provvisorio dopo la Rivoluzione di Febbraio e contrastò i Bolscevichi. Nel 1922 venne espulso dall'Unione Sovietica come controrivoluzionario[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Barbara Gambaccini, note a John Reed, I dieci giorni che sconvolsero il mondo, pag. 25. Edizioni Clandestine, Marina di Massa, 2011. ISBN 978-88-6596-307-4.

Controllo di autorità VIAF: 29596620 LCCN: n84106162

biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie