Eudontomyzon mariae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lampreda ucraina
Eudontomyzon mariae Dunai ingola.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Sottoregno Eumetazoa
Ramo Bilateria
Superphylum Deuterostomia
Phylum Chordata
Subphylum Vertebrata
Infraphylum Agnatha
Superclasse Cyclostomata
Classe Cephalaspidomorphi
Ordine Petromyzontiformes
Famiglia Petromyzontidae
Sottofamiglia Petromyzontinae
Genere Eudontomyzon
Specie E. mariae
Nomenclatura binomiale
Eudontomyzon mariae
Berg, 1931

La lampreda ucraina (Eudontomyzon mariae) è un agnato d'acqua dolce della famiglia Petromyzontidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Si tratta di una specie ad areale piuttosto vasto: è presente nei tributari del mar Baltico (come Oder, Vistola e Neman) e del mar Nero (come Danubio - dubbio- e Kuban), nonché in alcuni tributari del Volga, appartenenti al bacino del mar Caspio.

Vive solo in acqua dolce sia in altitudine che in pianura purché in acque fresche, pure e ben ossigenate.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è simile ad altre specie del genere come Eudontomyzon danfordi da cui si può distinguere per avere i denti arrotondati, la pinna caudale di color nero e con forma a spada.

Non supera i 20 cm di lunghezza.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

L'adulto non si nutre mentre le larve (ammocete) sono filtratrici e vivono infossate nel sedimento. Ha abitudini notturne ma l'accoppiamento avviene nelle ore assolate, nei mesi di aprile-maggio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Kottelat M., Freyhof J. Handbook of European Freshwater Fishes, Publications Kottelat, Cornol (CH), 2007

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Eudontomyzon mariae in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.1, IUCN, 2014.