Enrichetta Maria di Brandeburgo-Schwedt

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Enrichetta Maria di Brandenburg-Schwedt e Federico Luigi di Württemberg (Dipinto di Antoine Pesne, 1716)

Enrichetta Maria di Brandeburgo-Schwedt (probabilmente Berlino, 2 marzo 1702Schloss Köpenick, 7 maggio 1782) è stata una nipote di Federico Guglielmo I di Brandeburgo ed una figlia di Filippo Guglielmo (1669-1711), primo figlio avuto dall'elettore di Brandeburgo dalla sua seconda moglie, Dorotea Sofia di Schleswig-Holstein-Sonderburg-Glücksburg.

Madre di Enrichetta fu la principessa Giovanna Carlotta di Anhalt-Dessau (1682-1750), figlia di Giovanni Giorgio II di Anhalt-Dessau.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Sposò, l' 8 dicembre 1716 a Berlino il principe Federico Luigi di Württemberg (1698–1731), l'unico figlio del duca Eberardo Ludovico di Württemberg. La coppia ebbe due figli: Eberardo Federico (1718–1719) e Luisa Federica (1721–1791), in seguito duchessa di Meclemburgo-Schwerin, quale moglie di Federico II.

Enrichetta Maria morì ad 81 anni nello Schloss Köpenick, dove aveva trascorso gli anni della vedovanza. Dopo la sua morte, Luisa Federica donò una targa commemorativa, in onore di sua madre, situata nella tomba di Enrichetta Maria all'interno della chiesa dello Schloss Köpernick. La targa è fatta di marmo nero lucido con un'iscrizione d'oro recitante il seguente epitaffio: "Questa tomba raccoglie le spoglie mortali dell'illustre principessa Enrietta Maria, nata principessa di Prussia e di Brandeburgo, divenuta principessa ereditaria e duchessa di Württemberg e Teck. Nacque il II Marzo MDCCII, sposò il VIII Dicembre MDCCXVI il principe ereditario Federico Luigi di Württemberg. Rimase vedova il XXIII Novembre MDCCXXXI e si addormentò nel riposo eterno il VII Maggio MDCCLXXXII. Questo necrologio pose la sua unica figlia, Luisa Federica, duchessa di Meclemburgo-Schwerin, nata duchessa di Württemberg e Teck."

Negli anni Sessanta la bara, con la relativa mummia, vennero cremate, con il consenso della famiglia Hohenzollern, e l'ex tomba murata (come descritta da Fontane) venne aperta. L'urna contenente le ceneri di Enrichetta Maria, venne sepolta sotto l'epitaffio.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Theodor Fontane: Wanderungen durch die Mark Brandenburg, Band 4: „Spreeland“ – An der Spree: Schloss Köpenick.

Controllo di autorità VIAF: 130935247 LCCN: no99090044

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Biografie