Enguerrand VII di Coucy

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Enguerrand VII, signore di Coucy e conte di Soissons (1339Bursa, febbraio 1397), è stato un condottiero francese, capitano di ventura.

Condusse numerose campagne in Europa e contro i Turchi. Nel 1384 collaborò al tentativo di conquista del Regno di Napoli fatto da Luigi d'Angiò. Nel corso di questo tentativo imperversò soprattutto in Toscana e conquistò, tra l'altro, Arezzo che perse definitivamente la sua indipendenza il 5 novembre di quello stesso anno. Il condottiero cedette la città ai fiorentini per 40.000 fiorini d'oro, pagabili a rate.

Dopo aver conquistato Arezzo, Enguerrand valicò l'Appennino, recando con sé la preziosa reliquia della testa di San Donato, trafugata appunto ad Arezzo, di cui San Donato è patrono. Alla sua venuta a Forlì, il Signore di quella città Sinibaldo Ordelaffi, riscattò la reliquia, che tenne con grande venerazione fino a che essa fu restituita agli aretini[1].

Verso il 1384 era stato nominato Grand bouteiller de France.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Cf. G. Pecci, Gli Ordelaffi, Fratelli Lega Editori, Faenza 1974, p. 135.

Controllo di autorità VIAF: 70181106 LCCN: n78009953