Eneo Domizio Ulpiano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(LA)
« Nam ut eleganter Celsus definit, ius est ars boni et aequi »
(IT)
« Infatti, secondo la corretta definizione di Celso, il diritto è l'arte (tecnica) del buono e del giusto »
(Eneo Domizio Ulpiano in D. 1, 1, 1 pr)

Eneo Domizio Ulpiano (latino: Eneus Domitius Ulpianus; Tiro, 170 circa – Roma, 228) è stato un politico e giurista romano, considerato uno dei maggiori esponenti della dottrina giuridica romana.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Primi anni[modifica | modifica sorgente]

Nato a Tiro nell'allora provincia romana della Siria, attorno al 170[1], Ulpiano fu fra gli esponenti più importanti della giurisprudenza romana del suo tempo: formulò e sistemò molte norme del diritto amministrativo, diritto civile romano dell’epoca, che rimangono tutt’oggi a fondamento del diritto moderno e materia di studio nelle facoltà di giurisprudenza.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

Tra il 203 ed il 211 fu assessore assieme a Giulio Paolo durante la prefettura di Emilio Papiniano. Fu mentore dell'imperatore Alessandro Severo, con il quale intrattenne una relazione stretta. Capo del consiglio di reggenza dell'imperatore Severo, Ulpiano rimediò alle nefandezze giuridiche e finanziarie imposte dal precedente imperatore Eliogabalo, dando di nuovo autorità al Senato. Il Senato, grato, ricambiò la sua difesa conferendogli dapprima la prefettura dell'annona e poi la prefettura del pretorio. Ulpiano instaurò fra i pretoriani un clima di rigidità e di austerità, cosa che causò malcontento, sfociato infine nella congiura di palazzo guidata da Marco Aurelio Epagato – ex liberto di Caracalla –, e quindi nella sua uccisione.

Importanza giuridica post-mortem[modifica | modifica sorgente]

Ulpiano è uno dei cinque giuristi che hanno avuto più considerazione nel periodo imperiale. Inoltre, le sue opere furono ampiamente impiegate nella redazione del Digesto di Giustiniano.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Tony Honoré, Ulpian: pioneer of human rights, Oxford University Press, 2002, p. 14.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

  • Collectio librorum iuris anteiustiniani in usum scholarum ediderunt Paulus Krueger, Theodorus Mommsen, Guilelmus Studemund, vol. II, Berolini, apud Weidmannos, 1878, pagg. 5-38.

Controllo di autorità VIAF: 100210035 LCCN: n81125955