Elephas maximus maximus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Elefante di Sri Lanka
Sri Lankan elephants.jpg
Elefanti dello Sri Lanka durante il bagno in un fiume.
Stato di conservazione
Status iucn3.1 EN it.svg
In pericolo
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Ordine Proboscidea
Famiglia Elephantidae
Genere Elephas
Specie E. maximus
Sottospecie E. m. maximus

L'elefante dello Sri Lanka (Elephas maximus maximus) è la sottospecie nominale, nonché la più grande, delle sottospecie dell'elefante asiatico. Essendo stata l'isola un tempo parte del subcontinente indiano, è più che probabile che i primi esemplari di questa sottospecie siano arrivati dall'India, attraversando l'istmo che anticamente collegava il continente allo Sri Lanka.

Attualmente, questi animali vivono superprotetti nei parchi nazionali di Ceylon, Sumatra e Maldive all'interno dei quali si sta osservando una conservanza della taglia massima degli esemplari, rispetto alle generazioni passate; questo può essere spiegato col fatto che gli esemplari "migliori" (più robusti, più forti)venivano frequentemente abbattuti o catturati per essere domati. Da oltre 2000 anni, infatti, questi animali vengono addomesticati dalle popolazioni locali per ornare i templi buddisti, per partecipare alle cerimonie religiose o, più frequentemente, per essere utilizzati come bestie da soma. Quando ci si è accorti che questo avrebbe cancellato l'elefante dalla terra si è deciso di proibirne la caccia e l'addomesticamento. Ora è sempre più frequentemente rimpiazzato dalle macchine e il fenomeno degli elefanti di Ceylon da soma è del tutto scomparso.

Habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questo animale colonizza le foreste pluviali sia montane che di pianura, oltre che nelle foreste secche: al giorno d'oggi gli elefanti sono spariti dalle foreste montane e occupano le foreste secche, anche se piccoli gruppi vivono ancora nelle foreste di pianura.

L'elefante dello Sri Lanka è un erbivoro: si nutre di erba, foglie, frutta. È particolarmente ghiotto dell'albero di Kitulpalm (Caryota urens). Un maschio adulto di questi animali arriva a consumare fino a oltre 200 kg di cibo al giorno.

Caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Molto forti e muscolosi sono stati apprezzatissimi come animali da lavoro. Gli elefanti dello Sri Lanka tendono ad avere dimensioni maggiori rispetto alle altre sottospecie, i maschi adulti infatti possono raggiungere i 5500 Kg di peso. Un'altra caratteristica che li contraddistingue è una colorazione della pelle tendenzialmente più scura. Nei maschi è frequentissimo il fenomeno dei cosiddetti esemplari "tuskless" (senza zanne), è stato infatti riscontrato che solo il 7% dei maschi dello Sri Lanka possiede le zanne. (vedi wikipedia.en)Un esemplare maschio tenuto attualmente allo Zoo di Colonia chiamato Bindu è un perfetto esemplare di Elephas maximus maximus, è alto 3,15 m alla spalla e pesa 5 tonnellate (è uno dei più grandi elefanti asiatici in cattività), privo di zanne e con proboscide molto larga.(consultare www.elephant.se, database degli elefanti in cattività con relative caratteristiche)

Minacce per la sopravvivenza[modifica | modifica wikitesto]

I pericoli per la sopravvivenza di questo animale provengono dalla caccia di frodo a cui è sottoposto per ricavare avorio dalle zanne, che dalla distruzione dell'habitat per ricavare legname pregiato o per far spazio a insediamenti umani. Tali insediamenti vengono spesso presi di mira dagli elefanti in cerca di cibo e acqua durante la stagione secca, con conseguenti attriti con la popolazione locale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi