Eduardo Dalbono

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Studio o Il Vesuvio, 1872 (Fondazione Cariplo)

Eduardo Dalbono (Napoli, 10 dicembre 1841Napoli, 23 agosto 1915) è stato un pittore italiano figurativo, attivo nella seconda metà del 1800 e nei primi anni del 1900; esponente della cosiddetta scuola di Posillipo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Eduardo (alias Edoardo) Dalbono, figlio di Carlo e Virginia Garelli, apparteneva a una famiglia d’artisti e letterati napoletani. La sua formazione artistica avvenne nell'ambito del movimento verista della Scuola di Resìna con maestri, tra gli altri, come Giuseppe Mancinelli, Filippo Palizzi e Domenico Morelli. Partecipò a diverse esposizioni dove ebbe modo di fare apprezzare i suoi dipinti di soggetti storico-religioso. In seguito la sua produzione si concentrò su quadri di paesaggi e di genere d’ambito napoletano.

Nel 1897 divenne professore di pittura del Reale Istituto di Belle Arti di Napoli, mentre nel 1905 fu nominato curatore della Pinacoteca Nazionale.

Temperamento stravagante praticava la pittura all’aria aperta amando cogliere i giochi di luce nelle prime ore dell’alba che poi trasfondeva nelle sue fantasiose scene di genere, in soffuse atmosfere pregne di poesia.

Morì all'età di 73 anni nella sua casa di Napoli attorniato dai suoi numerosi amati gatti.

Dopo la sua morte, nel 1915, Benedetto Croce raccolse saggi, memorie e recensioni di Dalbono in un libro intitolato La scuola napoletana di pittura del secolo decimonono.

Le città di Roma, Brindisi e San Giorgio a Cremano hanno intitolato una strada a Edoardo Dalbono.

Opere[modifica | modifica sorgente]

Opere nei musei[modifica | modifica sorgente]

Opere nei musei esteri[modifica | modifica sorgente]

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Federigo Verdinois, I Dalbono, in Idem, Profili letterari napoletani, Morano, Napoli 1882, pp. 99-106.
  • A. Schettini, La Pittura napoletana dell’ottocento Editrice E.D.A.R.T. Napoli 1967
  • M.A.Pavone, Napoli scomparsa nei dipinti di fine ottocento, Newton Compton Editori, Roma 1987
  • AAVV. Capolavori dell’800 Napoletano, dal romanticismo al verismo, Mazzotta, Milano 1997
  • Massimo Ricciardi, La costa d’Amalfi nella pittura dell’ottocento, De Luca editore Salerno 1998
  • Nello e Saverio Ammendola ,Ottocento-Novecento, due secoli di pittura a Napoli, con introduzione e intervista di M. Picone Petrusa, Electa Napoli, Napoli 1999.
  • Laura Casone, Eduardo Dalbono, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA.
  • Achille della Ragione, Eduardo Dalbono: il pittore della luce, Napoli 2011.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]