Diana Bulimar

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Diana Bulimar
DianaBulimar2012.JPG
Dati biografici
Nazionalità Romania Romania
Ginnastica artistica Gymnastics (artistic) pictogram 2.svg
Dati agonistici
Specialità Trave, Corpo libero
Carriera
Nazionale
Romania Romania
Palmarès
Bandiera olimpica   Olimpiadi
Bronzo Londra 2012 Squadra
Wikiproject Europe (small).svg   Europei
Oro Bruxelles 2012 Squadra
Oro Sofia 2014 Squadra
Argento Birmingham 2010 Squadra (jr)
Argento Mosca 2013 Trave
Bronzo Birmingham 2010 Parallele (jr)
Bronzo Mosca 2013 CorpoLibero
Bandiera olimpica   Giochi olimpici giovanili
Argento Singapore 2010 Corpo libero
  Coppa del Mondo
Oro Ghent 2012 Corpo libero
Oro Doha 2013 Corpo libero
Argento Doha 2014 Trave
Argento Anadia 2013 Corpo libero
Argento Ghent 2012 Trave
Argento Doha 2012 Corpo libero
Bronzo Anadia 2013 Trave
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al giugno 2013

Diana Bulimar (Timișoara, 22 agosto 1995) è una ginnasta rumena, membro della squadra rumena vincitrice della medaglia d'oro agli Europei di Bruxelles 2012, e di bronzo alle Olimpiadi di Londra.

Ai Campionati Europei di Mosca 2013 diventa vicecampionessa alla trave, e ottiene un bronzo al corpo libero.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Diana era considerata una delle ginnaste rumene junior più promettenti del 2008-2010. Durante questi anni, ha vinto una medaglia d'argento al corpo libero durante i Giochi Olimpici Giovanili, e un argento e un bronzo durante gli Europei junior di Birmingham.

2011: Campionati Mondiali di Tokyo[modifica | modifica sorgente]

Il suo primo anno da senior viene oscurato da un infortunio al piede che la tiene fuori dalla palestra per diversi mesi. Il suo debutto avviene in agosto, durante i Campionati Nazionali Rumeni, dove vince il bronzo al corpo libero e arriva quarta nel concorso generale individuale.

Dopo delle buone performance in due incontri amichevoli in Germania e Inghilterra, viene scelta per far parte della squadra nazionale che partecipa ai Mondiali di Tokyo. Qui contribuisce alla conquista, per la Nazionale di ginnastica artistica femminile della Romania del quarto posto, dietro Stati Uniti d'America, Russia e Cina. Individualmente si qualifica al corpo libero, all'ottavo e ultimo posto; un infortunio al piede le impedisce di competere nella finale, dove è sostituita dalla compagna Diana Chelaru, arrivata ottava.

2012: Pre-Olimpiadi[modifica | modifica sorgente]

Dopo un inizio di stagione ricco di successi in Coppa del Mondo e incontri internazionali, viene scelta per partecipare ai Campionati Europei di Bruxelles. Qui riesce a vincere l'oro insieme alla squadra rumena ma, a causa della regola two-per-country, solo le sue compagne di squadra Cătălina Ponor e Larisa Iordache riescono a qualificarsi a trave e corpo libero grazie a dei punteggi più alti. Il suo punteggio al corpo libero durante la finale a squadre è di 14.633, (più che necessario per poter vincere la medaglia d'argento nella finale di specialità).

In giugno compete in una tappa di Coppa del Mondo a Gand, dove arriva seconda a trave (14.625) e prima al corpo libero (14.375). All'inizio di luglio compete in un incontro internazionale a Bucarest contro Francia, Italia e Germania. Aiuta la Romania ad arrivare al primo posto, staccando l'Italia di circa 10 punti, grazie a una buonissima trave (15.400) e un buon corpo libero (14.500).

Olimpiadi di Londra[modifica | modifica sorgente]

Insieme alle connazionali Larisa Iordache, Diana Chelaru, Sandra Izbașa e Cătălina Ponor entra a far parte della squadra olimpica che parteciperà ai Giochi della XXX Olimpiade.[1]

Il 29 luglio, con la giornata di qualificazione femminile, inizia la sua avventura olimpica. Compete solo a trave e parallele asimmetriche e contribuisce a far qualificare la squadra rumena al quarto posto, con un complessivo di 176.264, dietro la Cina terza classificata di qualche decimo (176.637). Individualmente non riesce a qualificarsi per la finale sugli staggi (14.000), ma si qualifica all'ottavo e ultimo posto per la finale alla trave (14.866).[2]

Il 31 luglio compete a trave, parallele e corpo libero per la finale a squadre. Con degli alti punteggi, 14.066 a parallele, 14.533 a trave e 14.700 a corpo libero, vince il bronzo insieme alla squadra rumena, che è presente sul podio olimpico dalle Olimpiadi di Montreal 1976.[3]

Nella finale ad attrezzo viene sostituita dalla compagna di squadra Larisa Iordache.

2013: Campionati Europei di Mosca[modifica | modifica sorgente]

Viene iscritta per partecipare a due tappe di Coppa del Mondo: l'Internazionale di Francia e a Doha, dove vince rispettivamente l'argento e l'oro.[4]

Viene scelta, insieme a Larisa Iordache, per rappresentare la Romania ai Campionati Europei di Mosca. Diana è considerata come una delle favorite per vincere il concorso generale individuale, infatti riesce a qualificarsi col secondo punteggio.[5] Tuttavia arriva quarta in finale, dietro alle russe Alija Mustafina e Anastasia Grishina e alla compagna Larisa Iordache.[6] Vince l'argento a trave e il bronzo a corpo libero.

A giugno compete alla tappa di Coppa del Mondo Anadia World Cup in Portogallo, vincendo il bronzo alla trave e l'oro al corpo libero, insieme alla Iordache.[7]

A settembre vince il concorso individuale, il titolo alla trave e al corpo libero al Turnen Dames Interland, in Olanda. Durante la prova podio dei Campionati Nazionali si infortuna gravemente al ginocchio ed è costretta ad operarsi il giorno stesso. Per questo motivo non parteciperà ai Campionati Mondiali.

2014: oro agli europei[modifica | modifica sorgente]

Partecipa agli europei di Sofia 2014: nella finale a squadre la Romania vince la medaglia d'oro.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Olympic Teams (Complete!), The Couch Gymnast, 12 luglio 2012.
  2. ^ Overview Team All Around.
  3. ^ Women's Team Medallists.
  4. ^ Five Take Titles at Doha World Challenge Cup, International Gymnast Magazine Online, 28 marzo 2013.
  5. ^ Amanda Turner, Iordache Tops Women's Qualification at Europeans, International Gymnast Magazine Online, 18 aprile 2013. URL consultato il 21 aprile 2013.
  6. ^ Mustafina Takes European Crown in Moscow, International Gymnast Magazine Online, 19 aprile 2013.
  7. ^ Coppa del Mondo: Iordache reginetta ad Anadia, Olimpiazzurra.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]