David Simon (scrittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
David Simon

David Simon (1960) è uno scrittore, giornalista e produttore televisivo statunitense.

Lavorò come giornalista del Baltimore Sun per dodici anni (1982-1995) ed è l'autore di Homicide: A Year on the Killing Streets (1991) e The Corner: A Year in the Life of an Inner-City Neighborhood (1997), scritto con Ed Burns. Sul primo è basata la serie NBC Homicide: Life on the Street (1993–99), di cui Simon è autore e produttore. Mentre il secondo libro è stato adattato dalla HBO per la miniserie The Corner (2000).

Simon è il creatore della serie televisiva HBO The Wire (2002-2008), di cui è stato produttore esecutivo, autore e show runner per tutte e cinque le stagioni. Adattò inoltre il libro Generation Kill nella serie HBO Generation Kill. Nel 2010 fu selezionato per il premio MacArthur Fellows[1]. Simon è inoltre coautore della serie HBO Treme.

Vita e carriera[modifica | modifica wikitesto]

Primi anni[modifica | modifica wikitesto]

Simon nacque a Washington D.C., figlio di Dorothy Ligeti, casalinga, e Bernard Simon, direttore delle pubbliche relazioni per B'nai B'rith e giornalista freelance.[2][3] È stato cresciuto in una famiglia di confessione ebraica, proveniente dall'Europa Orientale e dall'Ungheria (il nonno materno cambiò il suo nome da "Leibowitz" a "Ligeti").[2][4] Simon frequentò le scuole superiori a Bethesda, Maryland dove collaborò al giornale studentesco, The Tattler. Si laureò poi all'University of Maryland, College Park. Negli anni dell'università scrisse The Diamondback e divenne amico di David Mills.[5]

Giornalismo[modifica | modifica wikitesto]

Simon lavorò come cronista per The Baltimore Sun dal 1982 al 1995.[6] Gran parte della sua carriera fu dedicata alla cronaca nera e alla criminalità della città di Baltimora.[6][7] Simon ha raccontato che la copertura dello scandalo Watergate da parte del Washington Post è stata decisiva nella scelta di intraprendere la carriera di giornalista.[7]

Alla fine degli anni Ottanta, Simon iniziò ad avere dei dubbi sulla reale capacità del giornalismo di incidere significativamente sulla vita delle persone e finì col lasciare definitivamente la carta stampata quando il Baltimore Sun cambiò proprietà nel 1995.[8]

Homicide: A Year on the Killing Streets[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Homicide: A Year on the Killing Streets.

Nel 1991 uscì il suo primo libro Homicide: A Year on the Killing Streets, basato sulla sua esperienza personale al seguito dell'unità omicidi del Dipartimento di polizia di Baltimora durante il 1988.[6] L'idea nacque da una conversazione la vigilia di Natale del 1985 con il detective Bill Lansey che gli disse "Se soltanto qualcuno seguisse per un anno cosa succede in questo posto, ci verebbe fuori un libro." Simon chiese perciò il permesso al dipartimento di polizia e l'approvazione da parte del suo giornale per iniziare questo nuovo progetto.

Il libro vinse l'Edgar Award nel 1992.[9] L'Associated Press lo definì un classico del suo genere. Simon disse che il tempo impiegato a fare ricerche per il libro cambiò il suo stile di scrittura e il suo modo di lavorare, imparò ad essere più paziente sia nell'attività di ricerca che nella scrittura.

The Corner[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi The Corner.

Nel 1997 scrisse insieme a Ed Burns, The Corner: A Year in the Life of an Inner-City Neighborhood, il racconto-verità del mercato della droga nella comunità di West Baltimore.[10][11] Simon ringrazia il suo editor John Sterling per avergli suggerito come punto di osservazione un angolo delle strade di West Baltimore.[6] Nel 1993 prese un secondo anno di aspettativa dal Baltimore Sun per raccogliere il materiale necessario alla stesura di questo libro.[7][12] Simon divenne inoltre molto vicino a uno dei personaggi descritti in The Corner, il tossicodipendente Gary McCullough, morto durante la fase di stesura del libro.[7]

The Corner fu inserito nella lista Notable Book of the Year del The New York Times.[13] Simon ritornò alla redazione del Sun ancora più disincantato sulla professione di giornalista; l'anno seguente lascerà il Baltimore Sun per lavorare alla serie NBC Homicide.[7]

Subito dopo la conlcusione di Homicide, Simon scrisse e produsse insieme a David Mills la miniserie HBO The Corner.[14] Il programma vinse tre Emmy Award, incluso Outstanding Writing for a Miniseries or a Movie, vinto da Simon e Mills.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David Simon: 2010 MacArthur Fellow, MacArthur Foundation. URL consultato il 28 settembre 2010.
  2. ^ a b http://www.jpost.com/JewishWorld/JewishFeatures/Article.aspx?id=195504
  3. ^ http://articles.baltimoresun.com/2010-04-22/news/bs-md-deaths-elsewhere-bernard-simon-20100422_1_b-nai-b-rith-international-mr-simon-soviet-jewry
  4. ^ http://davidsimon.com/pickles-and-cream/
  5. ^ Hal Hinson, TELEVISION/RADIO; Revisiting Baltimore's Embattled Streets, The New York Times, 2 giugno 2002. URL consultato l'11 ottobre 2007.
  6. ^ a b c d Neil Drumming, High Wire Act, Entertainment Weekly, 15 settembre 2006. URL consultato il 27 settembre 2006.
  7. ^ a b c d e Cynthia Rose, The originator of TV's 'Homicide' remains close to his police-reporter roots, Seattle Times. URL consultato il 28 settembre 2006 (archiviato dall'url originale il 28 aprile 1999).
  8. ^ Under The Wire, Citypaper.com, 28 maggio 2003. URL consultato il 14 settembre 2010.
  9. ^ Edgar Award Archives, Mystery Writers of America. URL consultato il 29 settembre 2006 (archiviato dall'url originale il 15 settembre 2006).
  10. ^ Jesse Walker, David Simon Says, Reason Magazine, October 2004. URL consultato il 27 settembre 2006.
  11. ^ The Corner: About the Book, Random House. URL consultato il 3 ottobre 2006.
  12. ^ David Simon Biography, HBO. URL consultato il 3 ottobre 2007.
  13. ^ Notable Books of the Year 1997 - Non-Fiction, New York Times. URL consultato il 29 settembre 2006.
  14. ^ a b Mary Alice Blackwell, Fun comes down to 'The Wire', Daily Progress. URL consultato il 30 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 34659193 LCCN: n91023425