Darkstalkers

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Darkstalkers è una serie di videogiochi di genere picchiaduro, prodotta dalla Capcom, il cui primo titolo risale al 1994 con il coin-op Darkstalkers: The Night Warriors (noto come Vampire: The Night Warriors in Giappone). La particolarità della serie sta nel fatto che i vari personaggi sono in buona parte ispirati a celebri mostri e figure della mitologia e letteratura fantastica.

Darkstalkers introduce per la prima volta una grafica in stile manga in un picchiaduro 2D, stile ripreso poi da Street Fighter Alpha e dalla serie Marvel vs. Capcom. La saga è composta da cinque videogiochi, tutti realizzati sia in versione arcade che su console.

Episodi[modifica | modifica sorgente]

Darkstalkers: The Night Warriors[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Darkstalkers: The Night Warriors.

Realizzato nel 1994, il titolo originale in giappone è Vampire - The Night Warriors; sono presenti 10 personaggi giocabili e due boss. Pur utilizzando un sistema di gioco simile a quello del tradizionale Street Fighter II, vengono introdotti per la prima volta nuove caratteristiche come le bloccate aeree, la rotazione e delle combinazioni di mosse "a catena". C'è anche a disposizione una barra Super! che, a differenza di altri giochi, una volta raggiunto il massimo inizia a decrescere lentamente e, nel mentre, possiamo sfoderare tutte le mosse speciali finché non è azzerata.

Warriors of Night è stato convertito per Playstation e Sega Saturn nel 1996.

Night Warriors: Darkstalkers' Revenge[modifica | modifica sorgente]

Pyron, sconfitto già in passato, decide di far sua la terra. Sulla terra però ci sono ancora i Darkstalkers; ironicamente, questi sono l'ultima difesa per la terra ed i suoi abitanti. Frattanto, due caccia-darkstalkers avvertono la presenza di Pyron e cominciano a cacciare la loro preda.

Conosciuto anche come Vampire Hunter: Darkstalkers' Revenge , è stato realizzato nel 1995. Si tratta di una versione aggiornata del primo episodio, che ha introdotto cambiamenti vari nel gameplay: i set di mosse messe a disposizione dei personaggi sono differenti, ed è presente un nuovo tipo di barra "Super!". Infatti, da questo capitolo in poi, una volta caricata al massimo la barra si hanno a disposizione infinite barre da accumulare una sull'altra ed utilizzabili quando le si preferisce. Ad essere aggiunte anche le "EX MOVES": consistono in super mosse micidiali, causatrici di danni enormi ma, data la loro potenza, consumano ben 2 delle barre della "Super!".

Sono sono stati aggiunti anche quattro nuovi personaggi, Donovan Baine e Hsien-Ko, due Vampire Hunter, e i due vecchi boss del precedente episodio. Oltre che su arcade, il gioco è uscito per Sega Saturn.

Vampire Savior - The Lord of Vampire[modifica | modifica sorgente]

Dopo un lungo periodo di morte apparente, Jedah, un alto nobile del Makai, rinasce. Rendendosi conto delle pietose condizioni del suo mondo, pianifica di assorbire le anime dei combattenti più forti del mondo umano per nutrire il futuro Makai. Per facilitare il suo scopo, si farà aiutare da Lilith e Q-Bee.

Terzo ed ultimo capitolo della serie, riprende tutto il roster di personaggi del precedente Night Warriors, omettendo Donovan, Huitzil e Pyron. Quattro nuovi personaggi prendono il loro posto:

  • Jedah - un essere dalla forma demoniaca con il corpo liquido capace di solidificarsi e di formare tremende lame ed ali che usa in combattimento.
  • Lilith - la parte debole di Morrigan, scartata dalla nascita e presa in "adozione" da Jedah. Cercherà in tutti modi di sovrastare la sorella.
  • B.B. Hood - parodia di Cappuccetto Rosso: B.B.Hood è una cacciatrice di Darkstalkers assetata di sangue, ma così tanto da essere definita anche lei una Darkstalker.
  • Q-Bee - Q.Bee e la regina delle P.Bee, un popolo di belle donne dal corpo parzialmente d'ape, ali incluse: lavorano per Jedah, che promette loro una nuova casa.

A differenza degli altri picchiaduro, Vampire Savior adotta un sistema definito "doppia vita" ad un round (di default), consistente in un combattimento a round unico ma con vite customizzabili a disposizione. Da notare che l'energia del vincitore non si ripristina se danneggiato.

È anche possibile usare parte della propria energia per schivare attacchi molto potenti. Ad essere implementata nel gioco è anche la "Dark Force", potenziamento momentaneo che sfoga le abilità uniche di ogni personaggio.

Convertito per Saturn e Playstation nel 1998, in quest'ultima console è stato rititolato come Darkstalkers 3.

Vampire Savior 2/Vampire Hunter 2[modifica | modifica sorgente]

Usciti nel 1997 solo in Giappone, entrambi sono una versione aggiornata di Vampire Savior. La differenza principale sta nell'aggiunta al roster dei tre personaggi rimossi nella versione originale: Pyron, Donovan ed Huitzil, omettendo però Sasquatch, Rikuo e Jon Talbain; la versione console di Vampire Savior possiede invece tutti i personaggi apparsi nella serie ma senza le mosse aggiunte in Vampire Savior 2.

Raccolte[modifica | modifica sorgente]

Uscito solo per giappone per Dreamcast, Vampire Chronicle for Matching Service è la versione più completa del gioco, che permette di utilizzare tutti i personaggi con relative mosse aggiornate, tutte le locazioni disponibili e anche tutte le canzoni.
Versione che raccoglie tutti i videogiochi della serie Darkstalkers, escluso Vampire Chronicle.
Un port della versione Dreamcast del gioco, con inclusa la modalità Chaos Tower, dove sono stati inseriti elementi da gioco di ruolo.

Titoli correlati[modifica | modifica sorgente]

Alcuni personaggi della serie sono apparsi, come personaggi giocabili, in altri titoli Capcom, in particolare nelle serie Marvel vs. Capcom e Capcom vs. SNK; altre apparizioni sono avvenute in Capcom Fighting Evolution, SNK vs. Capcom: SVC Chaos, Namco × Capcom, Gunbird 2, e Tatsunoko vs. Capcom. Delle versioni super deformed sono apparse in Super Gem Fighter: Mini Mix, SNK vs. Capcom: The Match of the Millennium e in Super Puzzle Fighter II Turbo. Morrigan è apparsa nella versione americana di We Love Golf!, e, insieme a Felicia, Lilith e Demitri, in Cross Edge.

Darkstalkers in altri media[modifica | modifica sorgente]

Video[modifica | modifica sorgente]

Nel 1995 la DiC, compagnia statunitense, realizzò una serie animata in 13 episodi sui Darkstalkers, che si basava sul tentativo di Pyron di conquistare la Terra, mentre gli altri Darkstalkers decidevano di passare dalla sua parte o di osteggiarlo.

La serie si rivelò un adattamento grossolano e impreciso del videogioco, con personaggi stereotipati e situazioni puerili. Questa serie inoltre introduceva un personaggio non presente nei giochi originali, il giovane mago Harry Grimoire (nessuna relazione con il personaggio di Harry Potter), che si trovava sempre al fianco di Felicia.

Nel 1997 fu invece realizzato dalla Madhouse un anime, diviso su 4 OAV, intitolato Night Warriors: Darkstalkers' Revenge (Vampire Hunter: The Animated Series in originale).

L'anime si dimostrava più rispettoso della fonte. La trama si focalizzava in particolare sui seguenti personaggi: Pyron (e gli Huitzil a lui sottoposti), Demitri, Morrigan e Donovan con la piccola Anita.

In particolare quest'ultimo, un cacciatore di Darkstalkers pur essendo lui stesso metà creatura delle tenebre, potrebbe essere considerato il vero protagonista della serie.

In Italia quest'ultima serie è stata pubblicata dalla Dynamic Italia (ora Dynit) sotto forma di 4 VHS, e recentemente ripubblicata dalla Shin Vision in versione "Collector's Edition": 4 DVD con alcuni extra e migliorie.

Fumetti[modifica | modifica sorgente]

Molti fumetti sui Darkstalkers sono stati pubblicati in Giappone, ma in rarissimi casi questi giungono fino in Occidente. Un esempio sono i sei numeri basati sugli OAV (vedi sopra), tradotti e distribuiti dalla Viz Communications negli Stati Uniti nel 1998. Essi furono raccolti in un unico volume.

Nel 2004 la UDON Comics acquisì dalla Capcom i diritti per realizzare un fumetto sulla serie, che proseguì per sei numeri prima che la casa editrice entrasse in un "periodo di pausa". Il fumetto è stato tradotto in italiano e distribuito da Italycomics: il primo volume è uscito alla fine del 2005 e raccoglie tutte le sei uscite USA.

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Videogiochi