Cuore di cane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Cuore di cane (romanzo))
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Cuore di cane (disambigua).
Cuore di cane
Titolo originale Собачье Сердце
Autore Michail Afanas'evič Bulgakov
1ª ed. originale 1925
Genere romanzo
Sottogenere fantascienza, satirico
Lingua originale russo

Cuore di cane (in russo: Собачье Сердце, Sobač'e Serdce) è un romanzo fantascientifico-satirico di Michail Afanas'evič Bulgakov, che narra la storia della trasformazione chirurgica di un cane in un uomo, con chiaro intento parodico e satirico nei confronti della nuova società sovietica e dei suoi sviluppi postguerra (la NEP, Novaja Ekonomičeskaja Politika, è la nuova politica economica inaugurata da Lenin dopo il fallimento della sovietizzazione forzata dell'economia).

Trama[modifica | modifica sorgente]

« Uuuuhhh!!! Guardatemi sto morendo. La bufera mi ulula il de profundis nel portone e io ululo con lei. È fatta, sono fregato! Un delinquente col berretto sporco, il cuoco della mensa impiegati al Consiglio Centrale dell'Economia Nazionale, mi ha rovesciato addosso dell'acqua bollente e m'ha bruciato il fianco sinistro. Che mascalzone! E si che è anche un proletario! »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo I)

Così inizia Cuore di cane: un cane randagio muore di freddo e di fame in una viuzza del centro di Mosca. Durante la sua agonia, il randagio (che come molti altri cani di strada possiede un proprio punto di vista e sa pure leggere) osserva e giudica cinicamente l'umanità che gli passa attorno: dai cuochi del Consiglio dell'Alimentazione Nazionale agli spazzini del Comune di Mosca, dalla dattilografa di categoria nona al professionista medio borghese.

« Dall'altra parte della strada sbatté la porta di un negozio vivamente illuminato, e ne uscì un cittadino: "Beh, sì: si tratta proprio di un cittadino, non certo di un compagno; anzi, questo qui è addirittura un signore. E non che giudichi dal cappotto -non sono così sciocco-. Oggi il cappotto ce l'hanno anche i proletari, o molti di loro. [...] Ma gli occhi: lì non si sbaglia, sia che li guardi da vicino che da lontano. Eh, sì, sono assai importanti gli occhi, sono una specie di barometro. Ci vedi quello dal cuore duro, che può schiaffarti la punta dello stivale nelle costole, senza nessun motivo; e ci vedi quello che ha paura di tutto e di tutti. Ecco, proprio un lacchè come questo tipo qui mi divertirebbe prendere a morsi nelle caviglie -Hai fifa, eh? Se ce l'hai vuol dire che te la meriti... Tiè... grr... rrr... bau, bau!-" »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo I)

Ed è proprio questo cittadino che si avvicinerà al nostro cane, battezzandolo Pallino (Šarik, Шарик, nome nell'originale russo), e deciderà di accoglierlo nella sua dimora. Per l'ex-randagio Pallino si apriranno nuovi orizzonti: un tetto, cibo a volontà, l'opportunità di passare indisturbato davanti al portiere del palazzo del suo padrone. In definitiva si sente felice e soddisfatto della sua nuova condizione di cane d'appartamento.

« Il signore sconosciuto, dopo aver portato il cane fino alla porta del suo lussuoso appartamento, suonò il campanello. [...] La porta si aprì silenziosamente e davanti al cane e al suo padrone si parò una donna giovane e carina, che indossava un grembiulino bianco e una crestina di pizzo. Il cane fu investito da un divino calore e la gonna della donna profumava di mughetto. [...]Venga pure avanti, signor Pallino", disse il signore, con ironia. Il cane scodinzolò ed entrò con religiosa compunzione. L'ingresso lussuoso era pieno di un'infinità di oggetti. la prima cosa che colpì il cane fu una specchiera lunga fino al pavimento, che mostrava un Pallino spelacchiato e distrutto; poi le terribili corna di un cervo appese in alto alla parete, quindi un gran numero di pellicce e di galosce, infine un tulipano di opaline appeso al soffitto. »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo II)

Il padrone di Pallino è Filip Filipovič Preobraženskij, professore di medicina di fama mondiale, andrologo e ginecologo, impegnato in una ricerca sul ringiovanimento del corpo umano. In una parte del racconto Bulgakov colloca, in un angolo dello studio del professor Preobraženskij, Pallino, che assiste alla sfilata dei pazienti del medico, "un campionario gerontologico della belle époque"[1], vecchi in cerca di gioventù.

A un tratto il professor Preobraženskij si accorda col suo assistente dottor Bormental per mettere in atto un esperimento straordinario: trapiantare i testicoli e l'ipofisi di un uomo morto al cane Pallino. Dal momento in cui Pallino viene anestetizzato per l'intervento, alla narrazione come flusso di pensiero di Pallino si sostituiscono le pagine del diario di Bormental, che analizza l'andamento del soggetto operato: prima "cane", poi "individuo", poi "homunculus": il cane Pallino dopo il trapianto dell'ipofisi inizia a camminare su due zampe, perde la coda, i peli e gli artigli, acquisisce la parola... ma eredita le informazioni cerebrali dell'uomo da cui ha ricevuto l'ipofisi, morto accoltellato in una bettola moscovita. Perciò si abbandona al turpiloquio, commette oscenità, parla di Marx e di Engels (si riempie la bocca di retorica sovietica che risulta abbastanza ostica a Preobraženskij) ma poi insegue animalescamente i gatti per casa.

Ad un certo punto, dopo l'ultima bravata di Pallino (che ha assunto il nome da cittadino registrato all'Anagrafe del Comune di Mosca di Poligraf Poligrafovič Pallinov), Preobraženskij e soprattutto il dottor Bormental decidono di far cessare la snervante presenza nel modo più brusco: il signor Pallinov viene privato dell'ipofisi umana e torna ad essere un normale cane da appartamento a nome Pallino.

La storia, leggibile su più piani, oltre che una disincantata satira sui "nuovi ricchi" nati dopo la rivoluzione sovietica (quando, dopo la fine della guerra civile e del cosiddetto comunismo di guerra, Lenin si vide costretto a sostituirvi una Nuova Politica Economica, la Nep, che lasciava una certa libertà di iniziativa, per quanto limitata), si rivela una profetica critica radicale degli eccessi della scienza quando questa si spinge oltre i confini dell'Utile e del Naturale. Verso il termine del racconto il Professor Preobraženskij stesso così esprime il suo senso di frustrazione per la "scoperta" che non è una scoperta:

« Ecco, dottore, che cosa succede quando il ricercatore, invece di seguire una via parallela e conforme alla natura, forza la questione e solleva il velo: tie', beccati Šarikov (Pallino) e mangiatelo a colazione. »
(Michail Afanas'evič Bulgakov, Cuore di cane, Capitolo VIII)

Edizioni[modifica | modifica sorgente]

  • trad. di Maria Olsoufieva e Chiara Spano De Cet, Cuore di cane, ovvero Endocrinologia della N.E.P., Bari, De Donato, 1967
  • la stessa nella collana tascabile "I Garzanti. Cinema" n. 255, Milano, Garzanti, 1970; collana "I Garzanti" n. 520, 1974
  • la stessa nella collana "Rapporti", con la sceneggiatura di Alberto Lattuada[2], nota critica di Lucio Lombardo Radice, Bari, De Donato, 1975
  • trad. di Clara Coïsson e Vera Dridso, Cuore di cane, in Racconti, collana "Supercoralli", Torino, Einaudi, 1970; collana "Nuovi coralli" n. 248, 1979; in Romanzi brevi e racconti, collana "Gli struzzi" n. 389, 1990 ISBN 88-06-11831-5
  • la stessa in Cuore di cane e altri racconti, con un saggio di Mauro Martini, Torino, Einaudi, 2001 ISBN 88-06-15894-5
  • trad. di Viveka Melander, Cuore di cane, libera trasposizione teatrale di Mario Moretti[3], Anteditore], Verona, 1972
  • la stessa integrale, Roma, Newton Compton, 1975; in Romanzi e racconti, collana "GTE" n. 63, 1990; collana "Centopaginemillelire" n. 22, 1992 ISBN 88-7983-090-2; collana "BEN" n. 108, 1997 ISBN 88-8183-733-1; nella collana "Tascabili Deluxe" n. 3, presentazione di Eraldo Affinati, 2008 ISBN 978-88-541-1007-6
  • la stessa con I racconti di un giovane medico, collana "Letteratura" n. 29, La Spezia, Melita, 1983
  • trad. di Giovanni Crino, Cuore di cane. La storia di un uomo-cane nella Mosca del 1925, introduzione di Angelo Maria Ripellino, collana "BUR" L n. 82, Milano, Rizzoli, 1975 ISBN 88-17-13082-6; collana "Superclassici" n. 14, 1990 ISBN 88-17-15114-9; collana "Super Bur" n. 22, 1999, ISBN 88-17-15046-0; collana "Pillole", 2010 ISBN 978-88-17-01613-1
  • la stessa in Racconti fantastici, introduzione di Vladimir Laksin, Milano, BUR, 1991 ISBN 88-17-16826-2
  • la stessa come supplemento a "Famiglia Cristiana", collana "Collezione oro" n. 10, Milano, San Paolo, 2010
  • Cuore di cane, a cura di Giovanni Albertocchi, collana "Leggere a scuola" n. 8, Firenze, Sansoni, 1979
  • trad. di Emanuela Guercetti, Uova fatali - Cuore di cane, introduzione di Giovanni Buttafava, presentazione di Fausto Malcovati, collana "I grandi libri" n. 408, Milano, Garzanti, 1992 ISBN 88-11-58408-6
  • la stessa in Cuore di cane - Diavoleide - Una storia cinese, collana "Poker" n. 34, Milano, Vallardi, 1996 ISBN 88-11-91051-X
  • trad. di Nadia Cicognini, in Racconti, a cura di Giovanna Spendel, collana "Oscar narrativa" n. 1312, 2 voll. in cofanetto, Milano, Mondadori, 1993, ISBN 88-04-37556-6 ISBN 88-04-37557-4; collana "Oscar classici moderni" n. 105, 1994 ISBN 88-04-39048-4
  • la stessa in Romanzi e racconti, a cura di Mariėtta Čudakova, progetto editoriale di Serena Vitale, collana "I Meridiani", Milano, Mondadori, 2000 ISBN 88-04-46918-8
  • la stessa come supplemento a "la Repubblica", collana "Grandi della narrativa" n. 16, con introduzione di Adriano Sofri, Roma, Gruppo editoriale L'Espresso, 2011
  • Uova fatali - Cuore di cane, a cura di Nice De Angelis Masera, Milano: Ed. Scolastiche Bruno Mondadori, 1994 ISBN 88-424-3065-X
  • trad. di Serena Prima, Cuore di cane - Uova fatali, collana "UE" n. 2233, Milano, Feltrinelli, 2011 ISBN 978-88-07-82233-9

Adattamenti cinematografici[modifica | modifica sorgente]

Cuore di cane ha ispirato un film di Alberto Lattuada dal titolo omonimo.

Cuore di cane ha ispirato un film di Vladimir Bortko dal titolo omonimo. Lenfilm 1988.

In musica[modifica | modifica sorgente]

Nella sua biografia, Perfetto difettoso, Piero Pelù spiega come si sia ispirato all'opera di Bulgakov per scrivere il brano Cane, contenuto nel secondo LP dei Litfiba, 17 re.

Il romanzo ha anche ispirato il compositore russo Aleksandr Michajlovič Raskatov, che tra il 2008 e il 2009 ha composto un'opera (in due atti, sedici scene e un epilogo) dal titolo omonimo, su libretto di Cesare Mazzonis e George Edelman.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Viveca Melander, Nota del traduttore all'edizione Tascabili Economici Newton 1993
  2. ^ Il film omonimo, uscito nel 1975 è stato distribuito anche in VHS da Deltavideo e Istituto Luce (CL00131) nel 1994.
  3. ^ Edizione per lo spettacolo prodotto dal Teatro Belli di Roma, per la regia di Nino Mangano, con interpreti principali Flavio Bucci, Antonio Salines, Magda Mercatali
  4. ^ Pagina 10 - Preview ClassicVoice 166

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]