Chiesa di San Francesco (Mazara del Vallo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 37°39′19.91″N 12°35′20.18″E / 37.65553°N 12.58894°E37.65553; 12.58894[1]

San Francesco
Facciata della chiesa
Facciata della chiesa
Stato Italia Italia
Regione Sicilia Sicilia
Località Mazara del Vallo
Religione cattolica
Diocesi Mazara del Vallo
Consacrazione XI secolo
Stile architettonico barocco
Inizio costruzione XI secolo

La chiesa di San Francesco di Mazara del Vallo fu edificata sopra una chiesa preesistente, dedicata a San Biagio, fatta costruire dal gran conte Ruggero d'Altavilla nella seconda metà dell'XI secolo[2].

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'originale costruzione era in stile arabo-normanno dotata di tre navate e dodici altari, oltre a quello principale. Nel 1680, mons. Francesco Maria Grifeo (che sarà poi vescovo della diocesi), decise di trasformarla in stile barocco: le due navate laterali vennero abbattute, e la navata centrale venne rialzata e coperta con una volta a botte. Venne quindi riaperta al culto nel 1703, per essere chiusa nuovamente in seguito al terremoto del Belice nel 1968, durante il quale la chiesa e l'adiacente convento subirono notevoli danni. Nel 1977 vennero cominciati i lavori di restauro[2].

Il convento[modifica | modifica sorgente]

Nel 1216 il beato Angelo Tancredi da Rieti, chiamato in Sicilia dal gran conte Ruggero, fondò un convento francescano contiguo all'allora chiesa di San Biagio. In seguito alla chiusura, il convento divenne proprietà della Provincia di Trapani, e venne adibito a caserma dei carabinieri[2].

Galleria[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Coordinate prese da OpenStreetMap.
  2. ^ a b c Giuseppe Catalano, Chiesa di San Francesco - Documentazione fotografica, realizzata nel 1977, che illustra per sommi capi, le condizioni della chiesa prima dell'ultimo restauro, 19 maggio 2009. URL consultato il 27 dicembre 2011.