Carenatura (motociclismo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Esempio di carenatura motociclistica

La carenatura è un apparato aerodinamico che permette una miglior penetrazione e quindi porta ad una riduzione della resistenza aerodinamica migliorando il CX e le performance del mezzo.

Utilizzo[modifica | modifica wikitesto]

Carenatura motociclistica a basso CX

Le carenature danno un sostanziale aiuto, dato che riducendo l'attrito opposto dall'aria, a parità di velocità si ha un minor dispendio energetico e tra gli utilizzi più evidenti di carenatura si può annoverare quello che interessa le motociclette sia da strada che da competizione, come nel caso del motomondiale e in questo caso vietate a fine '57.

Nei continui studi per il miglioramento energetico dei mezzi di trasporto le carenature sono state applicate anche sui veicoli a forza umana come le biciclette, ad esempio in alcune biciclette reclinate.

Utilità[modifica | modifica wikitesto]

Bicicletta reclinata munita di carenatura

Le carenature hanno vari scopi:

  • Ridurre la resistenza aerodinamica, ciò permette un risparmio energetico
  • Protezione efficiente dagli agenti atmosferici, rendendo meno pesanti i trasferimenti con cattive condizioni meteorologiche.
  • Proteggere le parti meccaniche in caso di caduta, infatti le carenature possono, ovviamente opportunamente supportate dal telaio, evitare che i vari componenti meccanici e telaio stesso si rovinino

Svantaggi[modifica | modifica wikitesto]

La carenatura viene progettata per migliorare la penetrazione del mezzo in condizione di aria calma o contraria, ma in caso di vento laterale, questa nella maggior parte dei casi non riesce a deviare l'aria, quindi si è letteralmente spinti dall'aria, portando fastidio alla guida, soprattutto con vento forte e che cambia continuamente direzione. La carenatura, a basse velocità di guida, causa anche una peggiore dissipazione del calore generato dal motore.

Accorgimenti[modifica | modifica wikitesto]

Carenatura a campana a ridotta superficie laterale

Per ridurre questa limitazione si può adoperare varie soluzioni:

  • Diminuire la superficie laterale, utilizzando una carenatura munita di fori nelle zone laterali, si fa in modo che l'aria non trovi un valido appoggio su cui sbattere e dando meno fastidio al conducente, ma questa soluzione può portare a un indebolimento della resistenza della carenatura.
  • Aumentare la velocità di percorrenza, questo perché il mezzo oltre ad avere più inerzia, aumenta pure l'effetto giroscopico delle ruote, di conseguenza si ha un disturbo minore dal vento.
  • Aumento del peso, questo perché come con l'aumento della velocità si aumenta l'inerzia del mezzo, ovviamente con quest'operazione non si deve aumentare la superficie laterale del mezzo, altrimenti si può avere anche un effetto contrario.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]