Butilidrossianisolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Butilidrossianisolo
Formula di struttura del 2-BHA
Formula di struttura del 3-BHA
Nome IUPAC
t-butil-4-idrossianisolo, miscela di 2- e 3-
Nomi alternativi
Idrossianisolo butilato
BHA
E320
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare C11H16O2
Massa molecolare (u) 180,12
Aspetto Solido ceroso bianco/giallo chiaro
Numero CAS [25013-16-5]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
tossico a lungo termine irritante

attenzione

Frasi H 302 - 315 - 319 - 335 - 351
Consigli P 261 - 281 - 305+351+338 [1]

Il butilidrossianisolo, noto anche con le sigle BHA o E320, è un additivo alimentare, è impiegato nell'industria alimentare come antiossidante, per esempio nelle patatine fritte e nelle gomme da masticare. È un conservante alimentare, che agisce meglio in coppia con gallati o butilidrossitoluene, l'E321. Il prodotto industrialmente utilizzato è una miscela di due isomeri:

  • il 2-t-butil-4-idrossianisolo
  • il 3-t-butil-4-idrossianisolo

Dal punto di vista chimico, i due componenti del BHA sono fenoli e, in quanto tali, reagiscono rapidamente con i radicali liberi, preservando i cibi cui sono addizionati dall'ossidazione e dall'alterazione delle caratteristiche organolettiche (colore, odore, sapore, consistenza), soprattutto delle sostanze grasse, in cui sono molto solubili.

Viene prodotto industrialmente mediante la reazione di Friedel-Crafts tra il 4-idrossianisolo e il butene. Allo stato puro, è moderatamente tossico per ingestione.

La metabolizzazione del BHA produce metaboliti potenzialmente carcinogeni. Per questo la Food and Drug Administration (FDA) ne limita le quantità nel modo seguente:

  • il BHA non deve superare lo 0,02% dei grassi totali
  • può essere aggiunto come antiossidante agli aromi, in quantità non superiori allo 0.5% della sostanza grassa volatile totale dell'aroma
  • Massimo contenuto nella margarina: 0.02% in peso
  • Quantità ammessa: tra 2 e 1000 ppm

Congiuntamente al BHT, viene utilizzato anche nell'industria cosmetica, soprattutto come antiossidante nelle creme e nei rossetti.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Sigma Aldrich; rev. del 13.03.2010

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]