Beudantite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Beudantite
Beudantite-170099.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10) 8.BL.05[1]
Formula chimica PbFe3+3(As0,5S0,5O4)(OH)6[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino dimetrico
Sistema cristallino trigonale[3]
Classe di simmetria  
Parametri di cella a=7,31,51(9), c=17,0355(5)[3]
Gruppo puntuale 3 2/m
Gruppo spaziale R 3m[3]
Proprietà fisiche
Densità 4,48(2) (misurata), 4,49 (calcolata)[1] g/cm³
Durezza (Mohs) 3½-4½[1]
Sfaldatura buona secondo {0001}[4]
Frattura  
Colore nero, bruno scuro[4]
Lucentezza resinosa[4]
Opacità vitrea, subvitrea, resinosa, grassa[1]
Striscio da giallo grigiastro a verde[1]
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La beudantite è un minerale appartenente al gruppo omonimo[2] descritto nel 1826 in base ad un ritrovamento avvenuto presso Horhausen in Germania[4], il nome è stato attribuito in onore del mineralogista francese François Sulpice Beudant[4].

La beudantite è un minerale con la struttura dell'alunite caratterizzato dalla presenza di piombo e dall'avere arsenico e zolfo in parti pressoché uguali invece che il solo zolfo ed ancora presenta una quantità di ferro maggiore di quella dell'alluminio.[3]

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

La beudantite è stata scoperta sotto forma di piccoli cristalli intimamente aggregati a forma di romboedro leggermente ottuso.[4]

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

La beudantite è un minerale secondario che si rinviene nelle zone di ossidazione dei giacimenti polimetallici associata a carminite, scorodite, mimetite, dussertite, arseniosiderite, farmacosiderite, olivenite, bayldonite, duftite, anglesite, cerussite, azzurrite.[5]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b c d e (EN) Beudantite mineral information and d ata - mindat.org. URL consultato il 17 luglio 2013.
  2. ^ a b (EN) P. Bayliss, Kolitsch U., Nickel E. H., Pring A., Alunite supergroup: recommended nomenclature in Mineralogical Magazine, vol. 74, nº 5, ottobre 2010, pp. 919–927. URL consultato il 20 maggio 2013.
  3. ^ a b c d (EN) Jan T. Szymanski, The crystal structure of beudantite, Pb(Fe,Al)3[(As,S)O4]2(OH)6 in The Canadian Mineralogist, vol. 26, 1988, pp. 923-932. URL consultato il 18 luglio 2013.
  4. ^ a b c d e f (EN) A. Levy, Descriptions of two new minerals in The Annals of Philosophy, vol. 11, 1826, pp. 194-196. URL consultato il 18 luglio 2013.
  5. ^ John W. Anthony, Richard A. Bideaux, Kenneth W. Bladh, Monte C. Nichols, Handbook of Mineralogy, Chantilly, VA 20151-1110, Mineralogical Society of America.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia