Woodhouseite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Woodhouseite
Woodhouseite-177596.jpg
Classificazione Strunz (ed. 10) 8.BL.05[1]
Formula chimica CaAl3(P0,5S0,5O4)2(OH)6[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino dimetrico
Sistema cristallino trigonale[3]
Classe di simmetria  
Parametri di cella a=6,976, c=16,235[3]
Gruppo puntuale 3 2/m
Gruppo spaziale R 3m[3]
Proprietà fisiche
Densità 3,012 (misurata)[4] g/cm³
Durezza (Mohs) [4]
Sfaldatura eccellente basale {0001}[4]
Frattura  
Colore da incolore a rosa carne[4]
Lucentezza vitrea, perlacea lungo c e sulle superfici di sfaldatura[4]
Opacità da trasparente a traslucida[4]
Striscio  
Diffusione  
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce - Minerale

La woodhouseite è un minerale appartenente al gruppo della beudantite[2] descritto nel 1937 in base ad un ritrovamento avvenuto sulle White Mountains, contea di Inyo, California, Stati Uniti d'America. Il nome è stato attribuito in onore del collezionista statunitense C. D. Woodhouse.[4]

Questo minerale è l'analogo della svanbergite contenente calcio al posto dello stronzio.[1]

Morfologia[modifica | modifica sorgente]

La woodhouseite è stata scoperta sotto forma di cristalli romboedrici pseudocubici con facce spesso incurvate, striate ed incise e dimensione fin ad un centimetro e cristalli tabulari.[4]

Origine e giacitura[modifica | modifica sorgente]

La woodhouseite è stata trovata in vene di quarzo che attraversano l'andalusite di origine idrotermale a bassa termalità associata a topazio, quarzo, augelite, lazulite, tormalina, barite, muscovite e pirofillite.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ a b (EN) Woodhouseite mineral information and data - mindat.org. URL consultato il 26 luglio 2013.
  2. ^ a b (EN) P. Bayliss, Kolitsch U., Nickel E. H., Pring A., Alunite supergroup: recommended nomenclature in Mineralogical Magazine, vol. 74, n. 5, ottobre 2010, pp. 919–927. URL consultato il 26 luglio 2013.
  3. ^ a b c (EN) T. Kato, The crystal structures of goyazite and woodhouseite in Neues Jahrbuch für Mineralogie, Monatshefte, vol. 1971, 1971, pp. 241-247.
  4. ^ a b c d e f g h i (EN) D. M. Lemmon, Woodhouseite, a new mineral of the beudantite group in American Mineralogist, vol. 22, 1937, pp. 939-948. URL consultato il 26 luglio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia