Beszterce-Naszód

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Comitato di Beszterce-Naszód
ex comitato
(HU) Beszterce-Naszód vármegye
Localizzazione
Stato Ungheria Ungheria
Amministrazione
Capoluogo Beszterce
Data di soppressione 1920 (Trattato del Trianon)
Territorio
Coordinate
del capoluogo
47°08′N 24°30′E / 47.133333°N 24.5°E47.133333; 24.5 (Comitato di Beszterce-Naszód)Coordinate: 47°08′N 24°30′E / 47.133333°N 24.5°E47.133333; 24.5 (Comitato di Beszterce-Naszód)
Superficie 4 333 km²
Abitanti 127 800 (1910)
Densità 29,49 ab./km²
Altre informazioni
Fuso orario UTC+1
Cartografia

Comitato di Beszterce-Naszód – Localizzazione

Comitato di Beszterce-Naszód – Mappa

Il comitato di Beszterce-Naszód (in ungherese Beszterce-Naszód vármegye[1], in romeno Comitatul Bistriţa-Năsăud, in latino Comitatus Bistriciensis et Naszodiensis) è stato un antico comitato del Regno d'Ungheria, situato nell'attuale Romania settentrionale. Capoluogo del comitato era Beszterce[2], oggi nota col nome romeno di Bistriţa.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Il comitato di Beszterce-Naszód confinava con i territori austriaci di Galizia e Bucovina e col Regno di Romania, nonché con gli altri comitati di Máramaros, Szolnok-Doboka, Kolozs, Maros-Torda e Csík.

Geograficamente gran parte del suo territorio era occupato dai rilievi dei Carpazi e corrispondeva al bacino idrografico del fiume Beszterce/Bistriţa.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il comitato venne formato nel 1876 mediante l'unione del comitato di Beszterce con parte del comitato di Doboka e rimase ungherese finché il Trattato del Trianon (1920) non lo assegnò alla Romania. Rioccupato dall'Ungheria nel 1940 in seguito al Secondo Arbitrato di Vienna, dopo la seconda guerra mondiale venne restituito alla Romania.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fino alla riforma ortografica del 1913, la grafia corrente era Besztercze-Naszód.
  2. ^ Fino alla riforma ortografica del 1913, la grafia corrente era Besztercze.
Ungheria Portale Ungheria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Ungheria