Berlin Calling

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Berlin Calling
BerlinCalling UBahn.jpg
un'immagine del film
Titolo originale Berlin Calling
Paese di produzione Germania
Anno 2008
Durata 105 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 1.85:1
Genere musicale, drammatico
Regia Hannes Stöhr
Sceneggiatura Hannes Stöhr
Produttore Hannes Stöhr
Produttore esecutivo Karsten Aurich
Casa di produzione Sabotage Films, Stöhrfilm
Distribuzione (Italia) Officine UBU
Fotografia Andreas Doub
Montaggio Anne Fabini
Musiche Paul Kalkbrenner, Sascha Funke
Scenografia Sebastian Wurm, Melanie Raab
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Berlin Calling è un film del 2008, diretto da Hannes Stöhr,[1] con Paul Kalkbrenner e Rita Lengyel. Diventato film di culto per la sua colonna sonora, racconta una Berlino contemporanea a ritmo di musica elettronica. Il film è uscito in Italia al cinema nel novembre 2009, ed è disponibile in DVD dal 10 febbraio 2010.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il film racconta la storia di Martin (interpretato da Paul Kalkbrenner), alias Dj Ickarus, compositore di musica elettronica, che dopo aver raggiunto fama internazionale grazie al tour mondiale da cui è appena tornato, si ritrova a dover affrontare una crisi personale ed artistica proprio nel momento in cui deve essere lanciato il suo nuovo album. All'improvviso calo di ispirazione artistica si uniscono le forti pressioni esercitate dalla casa discografica con cui Martin ha il contratto ed il sempre più frequente ricorso a sostanze stupefacenti. Caduto ormai in depressione, in pochissimo tempo Dj Ickarus si fa completamente sopraffare dalla droga, perdendo il contratto con la sua produttrice musicale, la fidanzata Mathilde e anche il lume della ragione. La goccia che fa traboccare il vaso è una pasticca di ecstasy tagliata male che Martin assume ad una festa: finisce ricoverato in una clinica specializzata nel recupero di soggetti con problemi psichiatrici legati all'abuso di sostanze stupefacenti, gestita dalla dottoressa Petra Paul. Martin è ormai un soggetto con problemi di schizofrenia e allucinazioni e senza fidanzata, amici né certezze, gli rimane solo una cosa: la musica, che alla fine lo salverà. Dopo un periodo di ribellione, infatti, Martin accetterà finalmente di farsi curare dalla dottoressa Paul e, ottenuto il permesso di poter lavorare al nuovo album direttamente nella stanza della clinica grazie al computer, si butterà anima e corpo nella composizione del suo nuovo album che, nonostante la debilitazione provocata dai forti farmaci che gli sono stati prescritti, sarà un successo indiscusso. Berlin Calling, il titolo del suo nuovo album, entusiasmerà Martin ormai disintossicato, la fidanzata e la casa discografica, permettendo a Dj Ickarus di resuscitare.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

Il guardaroba di Dj Ickarus consiste in numerose magliette di calcio "vintage". Tra le magliette più indossate vi è quella del Milan della stagione 1989-1990.

Il club dove viene presentato il cd Berlin Calling è il famoso Maria am Ostbahnhof, storico locale berlinese. Tra i luoghi di Berlino riconoscibili si possono apprezzare la East Side Gallery, proprio nei pressi dello Ostbahnhof, la stazione di Warschauer Straße e la stazione della metropolitana di Alexanderplatz.

Colonna Sonora[modifica | modifica sorgente]

La colonna sonora del film[2] è stata realizzata da Paul Kalkbrenner e prodotta dalla B-Pitch Control nel 2008.

  1. Aaron
  2. Queer Fellow
  3. Azure
  4. Sky and Sand
  5. Square 1
  6. Altes Kamuffel (Special Berlin Calling Edit)
  7. Torted
  8. Moob
  9. Mango (di Sascha Funke)
  10. Atzepeng (Special Berlin Calling Edit)
  11. Castenets (Special Berlin Calling Edit)
  12. Revolte
  13. Bengang
  14. Peet
  15. Absynthe
  16. Gebrünn Gebrünn (Special Berlin Calling Edits)
  17. Train

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ www.imdb.com
  2. ^ Soundtrack - Berlin Calling. URL consultato il 3 aprile 2014.

Argomenti correlati[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema