Basil al-Assad

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Basil al-Asad

Basil al-Asad (in arabo: باسل الأسد, Bāsil al-Asad ; Damasco, 23 marzo 1962Damasco, 21 gennaio 1994) è stato un politico siriano, figlio di Hafiz al-Asad di cui sembrava destinato a prendere il posto prima della morte.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Bāsil al-Asad fu inizialmente educato dal padre[non chiaro].

Fin dai primi anni di vita sembrava destinato a succedere al padre il quale sembrava preferirlo al fratello Bashar al-Asad, attuale presidente siriano. Bāsil fu incaricato di organizzare la campagna anti-corruzione sotto il regime del padre ed in tali manifesti appariva in divisa militare.

Morte[modifica | modifica sorgente]

Basil al-Asad morì in un incidente stradale il 21 gennaio 1994. Secondo la versione ufficiale del governo avrebbe urtato una rotatoria a bordo della sua autovettura. Tuttavia, c'è ancora chi sostiene che Bāsil sia stato ucciso in quanto tali persone non hanno visto parti dell'autovettura. Bāsil al-Asad è sepolto, come il padre, in un mausoleo a Qardaha, villaggio natale della famiglia. Il popolo siriano si riferisce a Bāsil come Bāsil il Martire. Dopo la sua morte, in tutta la Siria, molte strade sono state intitolate a lui, per compiacere il volere del fratello.

La sua morte ha determinato una svolta nella successione al padre Hafiz al-Asad. Quando quest'ultimo, il 10 giugno 2000, morì per un arresto cardiaco durante una telefonata con il presidente libanese Émile Lahoud, fu il fratello Bashar al-Asad a divenire presidente della Siria.