Balistapus undulatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Balistapus undulatus
Balistapus undulatus
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Actinopterygii
Ordine Tetraodontiformes
Famiglia Balistidae
Genere Balistapus
Specie B. undulatus
Nomenclatura binomiale
Balistapus undulatus
Park, 1797

Balistapus undulatus è un pesce marino, unico rappresentante del genere Balistapus ed appartenente alla famiglia Balistidae.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nel Mar Rosso e nell'Indo-Pacifico, dalle coste africane alla Nuova Caledonia. Abita le barriere coralline, le lagune atollifere spingendosi fino a 50 metri di profondità.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Balistapus undulatus presenta i caratteri somatici tipici dei Balistidi: un corpo romboidale, compresso ai fianchi, un becco tagliente, la doppia pinna dorsale, la prima delle quali è una spina erettile robusta e le pinne dorsale e anale simmetriche ed opposte. La pinna caudale è a delta.
La livrea mostra colori molto vivaci e variegati: il fondo è verde brillante (o più scuro), con numerose linee arancioni e azzurre che decorano l'intero corpo. Alla radice del peduncolo caudale appare un grande ocello sfrangiato nero, orlato d'azzurro. La coda è giallo-verde, striata di giallo e azzurro, le altre pinne sono trasparenti con raggi giallo vivo.
Come gli altri Balistidi è sprovvisto di pinna ventrale (o meglio, è presenta ma modificata e quasi inutilizzabile) ma riesce a raggiungere grandi velocità grazie al moto ondulatorio delle pinne simmetriche.

Etologia[modifica | modifica sorgente]

Ha carattere fortemente territoriale.

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

La deposizione avviene nella notte, le uova sono deposte in una cavità di una spugna o in una buca scavata nella sabbia.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Balistpus undulatus mentre si nutre nella barriera corallina

Ha dieta onnivora: si nutre di pesci, spugne, crostacei, idrozoi, echinodermi, tunicati e alghe.

Predatori[modifica | modifica sorgente]

È preda abituale di Cephalopholis argus e Caranx melampygus.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

Nei luoghi d'origine è pescato per l'alimentazione umana.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

Come molti altri Balistidi è allevato e commercializzato per acquari marini pubblici e privati.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci