Caranx melampygus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Caranx melampygus
Trevally Nick Hobgood.jpg Caranx melampygus Mirihi.jpg
Stato di conservazione
Status none NE.svg
Specie non valutata
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Superclasse Osteichthyes
Classe Actinopterygii
Sottoclasse Neopterygii
Infraclasse Teleostei
Superordine Acanthopterygii
Ordine Perciformes
Sottordine Percoidei
Famiglia Carangidae
Genere Caranx
Specie C. melampygus
Nomenclatura binomiale
Caranx melampygus
Cuvier, 1833
Sinonimi

Carangichthys melampygus (Cuvier, 1833)
Carangus melampygus (Cuvier, 1833)
Caranx medusicola Jordan & Starks, 1895
Caranx melampyges Cuvier, 1833
Caranx stellatus Eydoux & Souleyet, 1850
Caranx valenciennei Castelnau, 1873
Carynx melampygus (Cuvier, 1833)

Areale

Caranx melampygus distribution.png

Caranx melampygus Cuvier, 1833 è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia Carangidae[1].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica sorgente]

Questa specie è diffusa nell'Oceano Indiano, dal Mar Rosso fino all'Isola Ducie, Isole Ryukyu, Nuova Caledonia e nel Pacifico, dal Messico a Panama. Abita acque salate e salmastre, prevalentemente nelle barriere coralline. Nuota fino a 190 m di profondità.

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Presenta un corpo dalla forma tipica, allungato, molto compresso ai fianchi, con testa e bocca grandi, alto profilo dorsale e ventrale, coda fortemente bilobata. Le pinne pettorali sono a foggia di falce, pinna dorsale e anale sono opposte e simmetriche. La livrea ha fondo azzurro argenteo con riflessi bronzei e finemente chiazzato di azzurro vivo e blu scuro. Le pettorali sono giallo limone, le altre pinne blu elettrico con riflessi azzurro vivo.
C. melampygus raggiunge una lunghezza massima accertata di 115 cm per un peso di 43,5 kg, ma la taglia riscontrabile comunemente si attesta sui 60 cm.

Sono documentati casi di ibridazione con Caranx sexfasciatus.

Biologia[modifica | modifica sorgente]

Comportamento[modifica | modifica sorgente]

Talvolta nuota in piccoli gruppi.

Alimentazione[modifica | modifica sorgente]

Questo carangide è un grande predatore e si nutre prevalentemente di altri pesci, crostacei e molluschi cefalopodi, in particolare seppie, e gasteropodi[2].

Riproduzione[modifica | modifica sorgente]

È oviparo e la fecondazione è esterna. Non ci sono cure verso le uova[3].

Predatori[modifica | modifica sorgente]

C. melampygus è preda abituale di Fistularia commersonii.

Pesca[modifica | modifica sorgente]

È apprezzata preda per la pesca sportiva, ma anche pescata e allevata in acquacoltura per l'alimentazione umana.
È spesso veicolo dell'intossicazione alimentare ciguatera una volta superata la taglia di 50 cm.

Acquariofilia[modifica | modifica sorgente]

È allevato, come altri carangidi, negli acquari pubblici.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Caranx melampygus in WoRMS 2014 (World Register of Marine Species).
  2. ^ Prede. URL consultato il 2 aprile 2014.
  3. ^ Riproduzione. URL consultato il 20 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

pesci Portale Pesci: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di pesci