Autopolis

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 33°02′13″N 130°58′22.9″E / 33.036944°N 130.973028°E33.036944; 130.973028

Autopolis
Tracciato di Autopolis
Ubicazione
Stato Giappone Giappone
Località Kamitsue, Ōita
Dati generali
Inaugurazione 1990
Lunghezza 4574 m
Curve 19
Categorie
Formula Nippon
D1 Grand Prix
F3 giapponese
Altre serie All Japan Road Race Championship

Autopolis è un circuito motoristico situato nei pressi di Kamitsue, villaggio della Prefettura di Ōita in Giappone. Aperto nel 1990, ha ospitato diversi tipi di manifestazioni motoristiche di rilevanza anche internazionale. Sebbene la struttura sia moderna non ha mai ospitato la Formula 1 e, a causa dei diversi problemi finanziari dei suoi proprietari, è passato spesso di mano.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il circuito, localizzato dentro il Parco Nazionale di Aso Kujiyu, è stato costruito con una spesa di 500 milioni di dollari dal finanziere Tomonori Tsurumaki che lo annunciò nel 1989, nel corso di un'asta tentuta a Parigi, nella quale aveva acquistato un dipinto di Pablo Picasso, Les Noces de Pierrette per 51,3 milioni di dollari. Dopo l'acquistò annunciò che il dipinto avrebbe abbellito le strutture di un autodromo in costruzione in Giappone. [1]

Il disegno del circuito fu di Yoshitoshi Sakurai, uno dei principali progettisti della Honda durante l'esperienza della casa nipponica in F1 degli anni sessanta.[2]

Tsurumaki ordinò trenta vetture Buick, del modello "Sabre Cars", per una gara da tenere il giorno dell'inaugurazione, nel novembre 1990, facedovi correre dei piloti impegnati nel campionato nordamericano CART, quali Stan Fox, Johnny Rutherford, Dick Simon, Gary e Tony Bettenhausen, affiancati da piloti nipponici. Tsurumaki pianificò anche un campionato che avrebbe dovuto utilizzare queste vetture, chiamato FC-45 "Formula Crane". Alcune gare si tennero nel 1991 ma con uno scarso numero di partecipanti.

L'unica manifestazione di carattere internazionale che si è tenuta sul circuito è la gara finale del Campionato Mondiale Sportprototipi del 1991, la 430km of Autopolis, che fu vinta da Michael Schumacher e Karl Wendlinger con una Mercedes-Benz C291 del team Sauber.

I promotori del circuito, nel tentativo di portare la F1 ad Autopolis, sponsorizzarono il team Benetton nel 1990 e 1991. Gli utenti del circuito però lo hanno sempre criticato per l'eccessiva distanza da centri abitati e hotel.

La società di Tsurumaki, la Nippon Tri-Trust, ebbe un dissesto finanziario e fallì nel 1993[3] Il circuito, così come gli altri beni, venne così gestito dalla Hazama, società che aveva costruito il circuito.[4]

Nel 1995 la società mise in vendita la struttura, che comprendeva tre hotel, piscine e una pista da sci artificiale, al 10% del valore di costruzione.[5]

Autopolis è stata così acquistata dalla Kawasaki nel 2005.[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Japanese Developer Buys Picasso at Record Price - New York Times
  2. ^ F1 News - Grandprix.com > GP Encyclopedia > Circuits > Nippon Autopolis
  3. ^ Yakuza: Japan's Criminal Underworld By David E. Kaplan, Alec Dubro
  4. ^ The Art of a Failed Economy | www.japaninc.com
  5. ^ F1 News - Grandprix.com: Autopolis going to the wall
  6. ^ Kawasaki Takes Over Autopolis Racing Course - News Releases KHI

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giappone Portale Giappone: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Giappone