Atrichornis rufescens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Uccello del bush rossiccio
Rosse Doornkruiper.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Aves
Ordine Passeriformes
Famiglia Atrichornithidae
Genere Atrichornis
Specie A. rufescens
Nomenclatura binomiale
Atrichornis rufescens
(Ramsay, 1867)

L'uccello del bush rossiccio (Atrichornis rufescens Ramsay, 1867) è un uccello della famiglia degli Atricornitidi. Vive in Australia, nel Nuovo Galles del Sud e nel Queensland meridionale, sul limitare delle foreste.[2]

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Lungo 16–18 cm, ha il dorso marrone rossiccio con sottili strisce trasversali nere; le regioni inferiori sono bianche sulla gola e bruno-rossastre sul resto; il maschio presenta una fascia nera nella zona alta del petto che si estende sino al ventre.

All'uccello del bush rossiccio è stata risparmiata la sorte dell'uccello del bush chiassoso, poiché esso è diffuso su di una estesa regione coperta da umide foreste. La sua vita ci è ancora praticamente ignota, e se viene disturbato l'uccello si cela persino sotto la corteccia degli alberi in prossimità del suolo. Il maschio ha una voce sonora e possiede delle notevoli capacità ventriloque e imitative. Le femmine sono state trovate raramente, e di esse è noto soltanto che emettono sommesse grida di richiamo, simili a degli squittii. Si spera che la specie riesca a conservarsi soprattutto nei parchi nazionali, e in altre riserve che sono state costituite appositamente per la protezione della fauna australiana.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) BirdLife International 2008, Atrichornis rufescens in IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2014.2, IUCN, 2014.
  2. ^ (EN) Gill F. and Donsker D. (eds), Family Atrichornithidae in IOC World Bird Names (ver 4.2), International Ornithologists’ Union, 2014. URL consultato il 6 maggio 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]