Atlanta Tennis Championships 2013

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Atlanta Tennis Championships 2013
Sport Tennis pictogram.svg Tennis
Data 20 luglio – 28 luglio
Edizione 26ª
Categoria ATP World Tour 250
Superficie Cemento
Località Stati Uniti Johns Creek, Georgia
Campioni
Singolare
Stati Uniti John Isner
Doppio
Francia Édouard Roger-Vasselin / Paesi Bassi Igor Sijsling
Left arrow.svg 2012 2014 Right arrow.svg

L'Atlanta Tennis Championships 2013 è stato un torneo di tennis giocato sul cemento. È stata la 26ª edizione dell'evento, che fa parte della categoria ATP World Tour 250 series nell'ambito dell'ATP World Tour 2013. Si è giocato all'Atlanta Athletic Club di Atlanta negli USA dal 20 al 28 luglio 2013.

Partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Teste di serie[modifica | modifica sorgente]

Giocatore Nazionalità Ranking* Testa di serie
John Isner Stati Uniti Stati Uniti 21 1
Kevin Anderson Sudafrica Sudafrica 23 2
Ivan Dodig Croazia Croazia 37 3
Radek Štěpánek Rep. Ceca Rep. Ceca 48 4
Igor Sijsling Paesi Bassi Paesi Bassi 55 5
Lu Yen-Hsun Taipei Cinese Taipei Cinese 60 6
Mardy Fish Stati Uniti Stati Uniti 62 7
Lleyton Hewitt Australia Australia 65 8

* Ranking al 15 luglio 2013.

Altri partecipanti[modifica | modifica sorgente]

Giocatori che hanno ricevuto una wild card:

Giocatori passati dalle qualificazioni:

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Atlanta Tennis Championships 2013 - Qualificazioni singolare.

Campioni[modifica | modifica sorgente]

Singolare[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Atlanta Tennis Championships 2013 - Singolare.

Stati Uniti John Isner ha sconfitto in finale Sudafrica Kevin Anderson per 63-7, 7-62, 7-62.

  • È il settimo titolo in carriera, secondo dell'anno.

Doppio[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Atlanta Tennis Championships 2013 - Doppio.

Francia Édouard Roger-Vasselin / Paesi Bassi Igor Sijsling hanno sconfitto in finale Regno Unito Colin Fleming / Regno Unito Jonathan Marray per 7-66, 6-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]