Armando Petrucci

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Armando Petrucci (Roma, 1 maggio 1932) è un filologo, paleografo e medievista italiano, uno dei massimi studiosi italiani di paleografia, diplomatica e storia del libro.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureatosi in Lettere presso l'Università "La Sapienza" di Roma nel 1955, è prima archivista di Stato e poi conservatore dei manoscritti alla Biblioteca dell'Accademia nazionale dei Lincei, poi, dal 1962, docente alla Scuola speciale per archivisti e bibliotecari dell'Università di Roma.

È stato docente di Paleografia e diplomatica a Salerno, dal 1972 al 1974, e a Roma, dal 1974 al 1991, anno in cui si trasferisce alla Scuola Normale Superiore di Pisa come professore di Paleografia latina.

Ha inoltre insegnato presso diverse prestigiose università straniere (Michigan University ad Ann Arbor, Collège de France, Stanford University, Berkeley University) e ha diretto due importanti riviste scientifiche, Scrittura e civiltà, che egli stesso ha fondato nel 1977, e Alfabetismo e cultura scritta.

Ha utilizzato i metodi tradizionali dell'analisi paleografica in un contesto assai più vasto, definibile nei termini di una "storia della scrittura latina" capace di rendere conto di fenomeni di alfabetismo, diffusione sociale dello scritto, impiego della scrittura nell'arte figurativa, diffusione e conservazione dei testi letterari.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Scrivere lettere. Una storia plurimillenaria, Roma-Bari, Laterza, 2008
  • Prima lezione di paleografia, Roma-Bari, Laterza, 2004
  • Scrittura ed epistolografia, Roma, Gangemi, 2004
  • Le scritture ultime: ideologia della morte e strategie dello scrivere nella cultura occidentale, Torino, Einaudi, 1995
  • Medioevo da leggere: guida allo studio delle testimonianze scritte del medioevo italiano, Torino, Einaudi, 1992
  • Scriptores in urbibus: Alfabetismo e cultura scritta nell'Italia altomedievale, Bologna, Il Mulino, 1992
  • Breve storia della scrittura latina, Roma, Bagatto Libri, 1992
  • Scrivere e no. Politiche della scrittura e analfabetismo nel mondo d'oggi, Roma, Editori Riuniti, 1987
  • La scrittura. Ideologia e rappresentazione, Torino, Einaudi, 1986
  • La descrizione del manoscritto. Storia, problemi, modelli, Roma, Carocci, 1984
  • Libri, scrittura e pubblico nel Rinascimento, Universale Laterza, 1979
  • Con Giulia Barone, Primo: non leggere. Biblioteche e pubblica lettura in Italia dal 1861 ai nostri giorni, Milano, Mazzotta, 1976
  • La scrittura di Francesco Petrarca, Città del Vaticano, Biblioteca apostolica vaticana, 1967