Antracicline

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Avvertenza
Le informazioni qui riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Questa voce ha solo scopo illustrativo e non sostituisce il parere di un medico: leggi le avvertenze.

Le antracicline sono considerate tra i più efficaci farmaci antitumorali mai sviluppati. La doxorubicina (DOX) e la daunorubicina (DNR) sono antibiotici ad azione antitumorale, isolati per la prima volta nel 1960 dallo Streptomices peucetius nei laboratori di Farmitalia, sono stati le prime molecole di questa classe di farmaci ad essere state scoperte.

Struttura chimica e proprietà[modifica | modifica sorgente]

doxorubicina
daunorubicina

DOX e DNR, dal punto di vista strutturale, hanno in comune una porzione agliconica e una porzione glucidica. L'aglicone è una struttura di 4 anelli condensati chiamata tetracenica, presenta un chinone sull'anello C adiacente a un idrochinone sull'anello B. Contiene inoltre un gruppo metossile sul C-4, nell'anello D, e una piccola catena al C-9 contenente un gruppo carbonilico.

Lo zucchero, chiamato daunosammina, è attaccato tramite legame glicosidico al C-7, all'anello A, ed è costituito da una porzione 3-ammino-2,3,6-trideossi-L-fucosilica. L'unica differenza tra DOX e DNR è che la catena laterale nel C-9 termina per la prima con un gruppo ossidrile alcolico primario -CH2OH mentre l'altra termina con un semplice metile. Questa piccola differenza dal punto di vista strutturale ha importanti ripercussioni sullo spettro d'azione e sulla potenza dei due farmaci.

Il gruppo carbonilico in posizione 14 dell'anello antracenico di DOX e DNR, è importante sia dal punto di vista farmacodinamico che tossicologico. Infatti quando questo viene metabolizzato a gruppo alcolico secondario da alcune reduttasi citosoliche, l'attività del farmaco diminuisce in maniera significativa; dall'altro lato la formazione dei derivati alcolici secondari, DOXolo e DNRolo, è alla base della cardiotossicità cronica [1] che si manifesta in seguito a somministrazioni dei farmaci in dosi cumulative maggiori di 450-600 mg/m2.

L'importanza della porzione daunosamminica è stata dimostrata dal fatto che la forma agliconica dei due farmaci non ha attività antitumorale. In aggiunta i farmaci di nuova generazione che presentano piccole modifiche strutturali a livello dell'amminozucchero presentano una minore cardiotossicità[2], [3].

Usi clinici[modifica | modifica sorgente]

La doxorubicina (o adriamicina), uno tra i farmaci antineoplastici più importanti, ha applicazioni cliniche di rilievo nel carcinoma mammario, dell'endometrio, delle ovaie, dei testicoli, della tiroide, dei polmoni e nel trattamento di alcuni sarcomi tra cui il neuroblastoma, il sarcoma di Ewing, l'osteosarcoma ed il rabdomiosarcoma, mentre la principale indicazione clinica della daunorubicina è la leucemia acuta. La DOX è inoltre utile nel trattamento di neoplasie maligne del tessuto emopoietico come la leucemia acuta, mieloma multiplo, Linfoma di Hodgkin e linfoma non Hodgkin.

Dall'altro lato la daunorubicina ha uno spettro d'azione molto più ristretto un'efficacia minore sui tumori solidi, viene pertanto utilizzata con discreto successo nel trattamento della leucemia acuta nei confronti della quale il farmaco ha una potenza maggiore rispetto a quella mostrata dalla doxorubicina.

Tuttavia, similmente a molti altri agenti anticancro, l'utilizzo clinico sia di DOX che di DNR è fortemente ostacolato da seri problemi come lo sviluppo della farmacoresistenza in cellule tumorali o tossicità in cellule sane. Nel caso di queste due antracicline, l'effetto tossico più importante è rappresentato dall'insorgenza di una cardiopatia caratteristica, sia in forma acuta che in forma cronica. Per aggirare questo problema si tende a fissare la dose massima cumulativa a tra i 450 ai 600 mg/m2 o a utilizzarlo in associazione con altri agenti antitumorali quali ciclofosfamide, cisplatino e nitroso-uree. Nelle ultime due decadi sono stati fatti numerosi tentativi di costruire una nuova antraciclina che avesse una maggiore attività e una minore tossicità cardiaca. La ricerca di una migliore antraciclina ha portato alla costruzione di circa 2000 composti analoghi derivati da modifiche di DOX e DNR apportate alla porzione zuccherina, alla porzione agliconica e alla catena laterale. Tuttavia al giorno d'oggi soltanto pochissimi analoghi hanno raggiunto la fase di sperimentazione clinica; tra questi la epirubicina (EPI) e la idarubicina (IDA) godono di una popolarità come utili alternative alla DOX e alla DNR rispettivamente.

Effetti collaterali[modifica | modifica sorgente]

Le antracicline sono risultate agenti cancerogeni, mutageni, teratogeni e genotossici nei ratti e nell'uomo ([1]), pur essendo utilizzate nella chemioterapia.[4][5] Alle antracicline è associata anche la generazione di ([2]) cardiomiopatie acute e croniche.[5][6]. La Commissione Oncologica Nazionale ha emanato delle linee guida, riprese dalla Conferenza permanente Stato-regioni, per gli operatori di settore a contatto con farmaci chemioterapici [7]. Fra le sostanze riconosciute dalla IARC come cancerogene per l'uomo [8]: Butanediolo dimetansulfonato (Myleran), Ciclofosfamide, Clorambucil, 1(2-Cloretil)-3(4-metilcicloesil)-1-nitrosurea (Metil-CCNU), Melphalan - MOPP (ed altre miscele contenenti alchilanti), N,N-Bis-(2-cloroetil)-2-naftilamina (Clornafazina), Tris(1-aziridinil) fosfinsolfuro (Tiotepa). A questi si aggiungono una serie di sostanze valutate come probabili cancerogeni per l'uomo: adriamicina, arapitidina, 1 (2-cloroetil)-cicloesil-1-nitrosurea (CCNU), mostarde azotate, procarbazina.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Mordente A, Anthracycline secondary alcohol metabolite formation in human or rabbit heart: biochemical aspects and pharmacologic implications..
  2. ^ Nielsen D, Epirubicin cardiotoxicity: a study of 135 patients with advanced breast cancer..
  3. ^ Sacco G, Chronic cardiotoxicity of anticancer anthracyclines in the rat: role of secondary metabolites and reduced toxicity by a novel anthracycline with impaired metabolite formation and reactivity.
  4. ^ 10.1.3 Antracicline e altri antibiotici citotossici in Guida all'uso dei farmaci, Agenzia Italiana del Farmaco. URL consultato il 21-07-2008.
  5. ^ a b Doxorubicina Ebewe - Scheda Tecnica, Torrino Medica. URL consultato il 21-07-2008.
  6. ^ STUDIO SPERIMENTALE SULL'ATTIVITA' CARDIOTOSSICA DELLE ANTRACICLINE IN ETA' PEDIATRICA, [[EDIZIONI UNIVERSITARIE ROMANE]]. URL consultato il 21-07-2008.
  7. ^ Provvedimento del 5 agosto 1999, pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 236 del 7/10/1999. L'allegato A1 menziona il D. Lgs. 645/1996, che menziona i medimanenti antimitotici fra gli agenti chimici dai quali devono essere protetti i lavoratori (Allegato I, comma 3, lettera d)
  8. ^ Alcune sostanze sono citate nel paper A review of human carcinogens -Part F: Chemical agents and related occupations

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

medicina Portale Medicina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di medicina